Crea sito

Panettone salato

Ciao! Il “PANETTONE SALATO” è un piatto che negli ultimi anni sta spopolando sul web e che quindi non può mancare certamente sulle nostre tavole nel periodo natalizio.
Si tratta di realizzare un impasto lievitato che io ho preparato utilizzando il lievito madre. Per chi non avesse il lievito madre, può tranquillamente usare il lievito di birra nelle dosi indicate negli ingredienti.
Il risultato è un impasto morbido, soffice e buonissimo che potrete farcire con tutti gli ingredienti che vi piacciono di più! Quindi cosa aspettate? Leggete gli ingredienti e tutto il procedimento riportato qui di seguito!
Auguro nuovamente un Buon Natale a tutti voi!
Alla prossima ricetta!
Anna

  • DifficoltàAlta
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo15 Ore
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni1 panettone piccolo da mezzo chilo
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 100 mllatte
  • 100 glievito madre (oppure 8 g di lievito di birra)
  • 250 gfarina Manitoba
  • 10 gmiele
  • 15 gzucchero
  • 1uovo
  • 4 gsale
  • 35 gburro
  • 1tuorlo (da spennellare sulla superficie del panettone)
  • q.b.semini vari

Preparazione

  1. Almeno 6 ore prima dalla preparazione del panettone salato, rinfrescare il lievito madre con rapporto 1:1:1 (ad esempio impastare 50 g di lievito madre con 50 g di acqua e 50 g di farina).

    Poi prendere 100 g del lievito madre rinfrescato e scioglierlo nel latte con lo zucchero e il miele. Poi aggiungere l’uovo, la farina, il burro e solo alla fine il sale.

  2. Continuare ad impastare l’impasto su una spianatoia fini ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Riporre l’impasto in una ciotola, incidere con un coltello una croce sulla superficie e lasciar lievitare il tutto per 3 ore circa. Se utilizzate il lievito di birra sarà sufficiente 1 ora.

  3. Trascorso tale tempo riprendere l’impasto e senza lavorarlo troppo stenderlo su una spianatoia fino ad ottenere un rettangolo. Poi proseguire con la sequenza di pieghe come riportato nelle foto.

  4. Chiudere l’impasto fino a formare un panetto, incidere la superficie con un coltello formando una croce e riporre l’impasto nella formina da panettone.

    Lasciar lievitare il tutto per 12-15 ore nel forno spento. Se invece avete utilizzato il lievito di birra, saranno sufficienti 3 ore circa.

  5. Quando l’impasto sarà ben lievitato, spennellare la superficie con un tuorlo e poi cospargere il tutto con semini vari.

    Cuocere in forno statico preriscaldato statico a 170°C per 40 minuti. Fare sempre la prova stecchino per verificare la cottura del panettone salato.

  6. Lasciar raffreddare il panettone salato e poi con un coltello seghettato tagliarlo a dischi di uno spessore di circa 2 cm.

  7. Farcire il panettone salato con ciò che vi piace di più. Io ho realizzato uno strato con carciofi i sott’olio, uno con l’insalata russa, un altro con formaggio spalmabile, salmone affumicato e rucola, e l’ultimo con alici sott’olio.

  8. Ed ecco pronto il vostro panettone gastronomico perfetto come antipasto! Buon appetito!

I miei consigli e i miei link

Questa dose serve per realizzare un panettone piccolo da mezzo chilo; quindi se avete uno stampo più grande raddoppiate il quantitativo degli ingredienti.
Potete farcire il panettone salato sia con verdure, che carne o pesce.

Per tagliarlo facilmente in 4 spicchi, infilare 4 spiedini lunghi e poi tagliare il panettone.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Se sei interessato ad altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA- e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.