Crea sito

Pane del deserto (con lievito madre)

Ciao!!! Oggi vi propongo un’altra ricetta del bravissimo Fulvio Marino, con qualche mia variante ovviamente: il “PANE DEL DESERTO (CON LIEVITO MADRE)”! Vi consiglio di seguire il profilo Instagram di Fulvio Marino o quello della trasmissione televisiva di Rai 1 “È sempre mezzogiorno” per leggere la ricetta originale! Quest’ultima infatti prevedeva l’utilizzo del lievito di birra. Dal momento che ho sempre la mia Carlotta a portata di mano, il mio fedelissimo lievito madre, ho deciso di realizzare questo pane con il mio lievito naturale.
Questa è una ricetta di origine marocchina, che non richiede tempi di lievitazione lunghissimi. Vedrete che iniziando ad impastare la mattina, già la sera riuscirete a mangiare il pane caldo appena sfornato.
Qui di seguito troverete tutti gli ingredienti e tutto il procedimento per realizzare il pane del deserto (con lievito madre)!
Vi aspetto come sempre anche su Instagram, Facebook e Pinterest!!!
Alla prossima ricetta!
Anna

  • DifficoltàAlta
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo4 Ore 30 Minuti
  • Tempo di cottura22 Minuti
  • Porzioni4 pagnotte
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gmix di Farina di semola e Farina 00 ((Io molino spadoni))
  • 500 gfarina di tipo 2
  • 640 mlacqua
  • 300 glievito madre (rinfrescato il giorno prima con rapporto 1:1:1)
  • 20 gsale
  • 30 golio di oliva

Preparazione

  1. Il giorno prima preparare il lievito madre necessario per la realizzazione della ricetta (detto lievitino), unendo, con un rapporto di 1:1:1, il lievito con l’acqua e la farina (es. 100 g di lievito madre con 100 g di farina e 100 g di acqua).

    In una ciotola unire tutta la farina con 600 ml di acqua e lasciar riposare per 30 minuti.

  2. Trascorso tale tempo, aggiungere 300 g di lievitino ed amalgamare bene il tutto. Unire poi anche il sale con la restante acqua (40 ml) ed infine l’olio. Impastare bene il tutto per qualche minuto (facendo anche le pieghe nella ciotola). Lasciar lievitare per almeno 2 ore.

  3. Disporre l’impasto su una spianatoia e dividerlo in quattro parti. Arrotolare ciascuna parte fino a formare un “fagottino”.

  4. Disporre le pagnotte su una teglia rivestita con la carta da forno e lasciar lievitare per 1 ora.

    Ribaltare delicatamente ciascuna pagnotta e con il palmo della mano schiacciare leggermente il pane. Lasciar lievitare per altre 2 ore.

  5. Trascorse le ultime ore di lievitazione, con la lama affilata di un coltello incidere una croce sulla superficie.

    Cuocere in forno preriscaldato statico a 250°C per 12 minuti.

    Poi abbassare il forno a 220°C e continuare a cuocere per altri 10 minuti.

    Per verificare la cottura del pane del deserto (con lievito madre) fare sempre la prova stecchino.

I miei consigli e i miei link

Al posto del lievito madre, potete utilizzare 10 g di lievito di birra.
Se avete bisogni di consigli, scrivetemi pure qui sul mio blog oppure sui miei canali social!!! 🙂

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Se sei interessato ad altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA- e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.