Polenta fritta

Polenta fritta. Si dice che fritto è buono tutto, ma credetemi, la polenta fritta è veramente una cosa da urlo! L’esterno è croccante e l’interno morbido e saporito. Ora… per chi non lo sapesse, una regola non scritta direbbe di intrattenervi con le lusinghe alla ricetta o con aneddoti divertenti o ancora, potrei darvi qualche informazione sulla farina di mais. Purtroppo in questo momento mi mancano le parole, non perché non avrei nulla da dire è proprio il contrario, è talmente buona e saporita che potrei fare un poema su una cosa così semplice. Si deve solo preparare e  gustare!

                                       Polenta fritta

A chi guarda con riluttanza l’uso delle polenta precotta. La ritengo una valida alternativa, il fatto che sia un prodotto “precotto” semplifica la vita. In pochi minuti si possono realizzare piatti di tutto rispetto, con il prodotto “crudo” invece, i tempi si allungano e non di poco quindi, per chi ha poco tempo come me o per chi non ha voglia di stare 40-50 minuti ad aspettare che la polenta sia pronta, questa è la soluzione migliore.

Ingredienti:

  • 1 confezione di polenta istantanea ( io valsugana la classica )
  • Acqua
  • sale
  • condimenti a piacere

Procedimento:

  1. Mettete 1,5 litri di acqua in una pentola capiente.
  2. Portate l’acqua a sfiorare il bollore e aggiungete sale a piacere. Versate a pioggia il contenuto della busta e aiutandovi con una frusta a mano mescolate velocemente per un verso solo, vi aiuterà a non formare grumi.
  3. Continuate a mescolare per 10 minuti, la consistenza alla fine deve essere soda.
  4. Quando la polenta è cotta versatela in una pirofila rettangolare.
  5. Livellate la superficie con l’aiuto del dorso di un cucchiaio, per avere uno spessore uniforme di 2/2,5 cm e lasciate raffreddare completamente.
  6. Tagliate la polenta in tanti tocchetti alti 2 cm circa e fateli friggere fino a completa doratura, in un tegame dai bordi alti con all’interno olio vegetale per friggere.
  7. Mettete pochi tocchetti di polenta per volta e distanziati tra loro. Per il primo minuto non toccateli, generalmente tendono ad attaccarsi al fondo e la pellicina che si è creata staccandosi comprometterà la frittura.
  8. Girate la polenta per uniformare la frittura e quando è bella dorata, scolatela su carta assorbente da cucina.
  9. Quando avrete finito di friggere tutti i pezzi, ( io ho parlato di tocchetti, ma potete ricavare bastoncini, losanghe, rettangoli ) spolverateli di sale e servite subito.
  10. Potete accompagnare la polenta fritta con delle salse ai funghi o al formaggio, ottima da sola.
  11. Se volete servirla come crostini, potete condirla con quello che più vi piace, largo spazio alla gola in questo caso 😉

Se vi fa piacere, seguitemi anche nella mia pagina L’officina delle ricette, sarete sempre aggiornati sulle nuove ricette. Vi aspetto!

Precedente Rigatoni al baffo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.