Patatine Fritte Artigianali

Tutta un’altra cosa rispetto a quelle congelate. Sono anche semplicissime e velocissime da fare.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4patate
  • q.b.olio di semi
  • q.b.sale
  • q.b.pepe (solo se ci piace e sostituibile con altre spezie, come noce moscata o curry)

Preparazione

  1. Pelare accuratamente le patatee tagliarle a listarelle. L’unica accortezza da tenere presente è cercare di farle tutte delle stesse dimensioni in modo da uniformare la cottura.

    Man mano che le tagliamo mettiamole su uno strofinaccio da cucina in modo che ne assorba un po’ l’acqua.

    Nel frattempo facciamo arrivare a temperatura l’olio per la cottura, versandone uno strato abbondante in una padella.

    Quando abbiamo finito di tagliare le patate, controlliamo la temperatura dell’olio provando ad immergerne una. Se attorno alla patata l’olio comincia a fare bollicine vivaci l’olio è pronto, altrimenti attendiamo ancora un po’.

    Mettiamo a cuocere una manciata per volta e facciamo bene dorare tutte le patate. Per capire quante ne possiamo friggere contemporaneamente, dobbiamo fare attenzione alla forza dell’olio, che deve sempre friggere in modo vivace. .Altrimenti i tempi di cottura si alzeranno e le patate assorbiranno molto olio.

    Man mano che cuociamo le patatine disponiamo quelle pronte su abbondante carta assorbente in modo da eliminare l’unto in eccesso. Quindi condiamo le le nostre patatine con sale e volendo pepe o o altre spezie e portiamo a tavola.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lochefconsiglia

Ciao a tutti! Lui è uno chef, io una profana che cerca di stargli dietro. Da questo ho capito come per chi si intende di cucina spesso molte cose siano date per scontate. Così cercherò di condividere con tutti le ricette e i segreti di un vero chef con parole comprensibili anche a chi come me non è proprio del mesterie! Pronti a infarinarvi un po?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.