Bocconcini di Maiale all’Aceto Balsamico

Un piatto semplice e sfizioso che può fare da alternativa alle classiche scaloppine. Il procedimento è esattamente lo stesso ma l’occhio vuole la sua parte e qui non viene deluso.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura6 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfilone di maiale
  • q.b.aceto balsamico
  • q.b.farina
  • q.b.olio di oliva
  • q.b.sale
  • 1/2 bicchiereacqua

Strumenti

  • 1 Tagliere
  • 1 Coltello
  • 1 Padella
  • 1 Cucchiaio di legno
  • 1 Ciotola

Preparazione

  1. Posizionare il filone su un tagliere e tagliarlo a striscioline spesse un paio di centimetri. Quindi da queste ultime ricavare i bocconcini. Avendo l’accortezza di cercare di farli più o meno uguali di dimensioni per facilitare la cottura.

    Quindi porli in una ciotola con della farina e infarinarli a dovere.

  2. Versare un filo di olio di oliva in un tegame antiaderente e farlo scaldare. Quindi aggiungere i bocconcini e farli rosolare in modo che formino una crosticina superficiale.

  3. Quindi sfumare con l’aceto in quantità a piacere a seconda che vi piacciano con un gusto più o meno carico. Aggiungere l’acqua e un pizzico di sale quindi abbassare la fiamma e portare a cottura a fuoco lento.

  4. I tempi di cottura varieranno leggermente a seconda della grandezza dei bocconcini. In genere però bastano davvero pochi minuti. Assicuratevi che vi resti un po’ di sugo con cui condire il piatto finito.

    Se arrivati a cottura invece il succo rimasto è ancora troppo acquoso restringetelo utilizzando del rou a freddo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lochefconsiglia

Ciao a tutti! Lui è uno chef, io una profana che cerca di stargli dietro. Da questo ho capito come per chi si intende di cucina spesso molte cose siano date per scontate. Così cercherò di condividere con tutti le ricette e i segreti di un vero chef con parole comprensibili anche a chi come me non è proprio del mesterie! Pronti a infarinarvi un po?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.