Torta Matrioska, la torta ripiena di torta di mele

Chiamarla soltanto torta di mele, mi pareva riduttivo. Così, per distinguerla dalle altre migliaia di dolci con questo frutto, ho deciso di chiamarla Torta Matrioska, la torta ripiena di torta di mele.

Il suo aspetto, sulla copertina di una mia rivista, mi aveva conquistata; ma in verità, ciò che mi ha più convinta a provare l’ennesima torta di mele è stato il procedimento. Si tratta di una torta con dentro una torta, o meglio, di una crostata di frolla montata con dentro un impasto di torta.

Ora, forse, vi è più chiaro il perchè io abbia voluto chiamarla proprio Torta Matrioska. Io ho deciso di apportare delle modifiche alla ricetta originale per venire incontro ai miei gusti personali e… che dire? Una meraviglia. La base di frolla montata della Torta Matrioska è morbissima e si scioglie in bocca, mentre il ripieno ricalca una via di mezzo tra una torta ed una crema; i due elementi quasi si fondono insieme, regalando un dolce “pulito” al taglio, che non si sbriciola. Le mele, molto presenti in superficie, restano morbide e succose, poichè affondano all’interno della Torta Matrioska.

Lo avrete capito: è stato un grande successo. Vi dico solo che è durata meno di 12 ore: è quasi un miracolo che io sia riuscita a portarvi una testimonianza fotografica di questo dolce. Provatela quindi, ma quando finirà in un battibaleno, non lamentatevi: io vi avevo avvertiti! :-P

Torta Matrioska, la torta ripiena di torta di mele

•••••

torta matrioska

ingredienti | tortiera ø 20 cm

per la base
190 g di farina 00
130 g di burro
100 g di zucchero a velo
2 tuorli
un limone non trattato
un pizzico di sale

per il ripieno
170 g di farina 00
70 g di burro ammorbidito
70 g di zucchero
8 g di lievito per dolci
2 mele Golden
2 cucchiai di rhum
un uovo

per la finitura
2 cucchiai di confettura di albicocche
un cucchiaino di zucchero a velo

procedimento

Nella ciotola della planetaria, con il gancio a foglia (o in una terrina con un cucchiaio di legno), montare il burro con lo zucchero a velo, la scorza grattugiata di mezzo limone ed un pizzico di sale. Incorporare i tuorli, uno alla volta, quindi, quando saranno ben assorbiti, montare la frusta a filo (o usare uno sbattitore) e unire la farina setacciata, lavorando il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Il risultato sarà un impasto morbidissimo, molto appiccicoso: trasferirlo su un foglio di pellicola trasparente, compattarlo brevemente in un panetto, quindi chiuderlo nella pellicola e far riposare per almeno un’ora.

Nel frattempo, preparare il ripieno. Mondare e sbucciare le mele, tagliarle a spicchi piccoli e radunarle in una ciotola; irrorarle con il succo di limone e rimescolarle con le mani, in modo da bagnarle bene.

Far fondere il burro in forno a microonde oppure a bagnomaria e mettere da parte. In un’altra ciotola, montare l’uovo con lo zucchero per alcuni minuti, fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso. Unire la scorza dell’altro mezzo limone, incorporare gradualmente la farina setacciata con il lievito, alternandola al burro fuso e raffreddato, il succo di limone in cui riposano le mele ed il rhum, aggiungendo gli ingredienti gradualmente. Il risultato sarà un impasto molto denso.

Foderare il fondo di una tortiera a cerchio apribile con carta da forno ed imburrarne le pareti. Riporre la base di frolla tra due fogli di carta da forno e stenderla con un mattarello in uno spessore di circa 7 millimetri. Adagiare la frolla all’interno dello stampo e rifilarne i bordi, che dovranno essere alti circa 4 centimetri.

Bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta, quindi versare il ripieno livellandolo con il dorso di un cucchiaio. Distribuire gli spicchi di mela a raggiera, affondandoli nell’impasto.

Cuocere in forno elettrico ventilato preriscaldato a 170°C per circa 45 minuti; aprire la tortiera e rimuovere il cerchio esterno, spennellare la superficie con la confettura di albicocche e rimettere in forno per altri 5-10 minuti, ricordando che i tempi di cottura possono variare in base alle caratteristiche del proprio forno.

A cottura ultimata, spegnere il forno e lasciare riposare la Torta Matrioska all’interno, con l’anta aperta per circa 15 minuti, quindi sfornarla e lasciarla raffreddare completamente, meglio se su una griglia. In questa fase, finchè è calda, maneggiarla con delicatezza, poichè risulterà molto morbida e fragile: raffreddandosi diventerà più stabile e a raffreddamento completo potrà essere agevolmente spostata su un piatto da portata. Spolverizzare con lo zucchero a velo e servire.

•••••

Torta Matrioska, la torta ripiena di torta di mele

Ha realizzato questa ricetta:

Chiara di La pancia del lupo

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia, seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)
Lifferia è anche su TwitterGoogle+Pinterest e Instagram!

Torna alla HOME PAGE oppure naviga tra le RICETTE
…e non dimenticare di iscriverti alla NEWSLETTER GRATUITA di Lifferia.

Vuoi dirmi o chiedermi qualcosa? Lascia un COMMENTO o CONTATTAMI! :-)

8 Commenti su Torta Matrioska, la torta ripiena di torta di mele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.