Pane senza impasto

Da alcuni anni, ho preso la buona abitudine di fare sempre il pane in casa. Questa scelta è piena di vantaggi: si prepara il pane quando effettivamente serve ed è più economico (e, visto il prezzo del pane, non è difficile crederlo); inoltre è più gustoso, perchè si possono calibrare gli ingredienti secondo il proprio gradimento, e si conserva meglio e più a lungo, limitando così gli sprechi, con somma soddisfazione del palato. A distanza di anni, non riesco ancora a trovare uno svantaggio in tutto questo.

Inizialmente, mi sembrava un impegno importante, credevo che non avrei dato continuità all’idea di preparare sempre il pane, fino a non comprarne più. Tuttavia, in realtà, è stato semplicissimo: è sufficiente imparare a organizzarsi e ad ottimizzare i tempi. :-)

Un pane che compare spesso sulla mia tavola è il pane senza impasto (no-knead bread); di origine americana, ha un impasto molto idratato e consente di ottenere con il minimo sforzo pagnotte, filoncini e panini soffici e ben alveolati, con una crosticina croccante ma sottile. Si conserva all’aria o avvolto in un panno di cotone (ma non nella plastica, che lo potrebbe rendere gommoso) per diversi giorni, anche 4 o 5, se per assurdo non finisse prima! Alcuni giorni dopo, non fatevi ingannare dalla consistenza della mollica sulla parte del taglio: se sembra troppo secca, basterà tagliare una fetta per rendersi conto che l’interno è ancora ottimo. Per il suo aspetto un po’ rustico, si presta alla preparazione di deliziose bruschette e fragranti crostini, per i quali suggerisco di preparare il pane almeno un giorno prima, affinchè disperda un po’ della sua umidità al fine di ottenere una tostatura croccante.

E’ un tipo di preparazione che non richiede l’impastatrice, nè lunghe lavorazioni a mano: basta una forchetta e circa 5 minuti di tempo, senza nemmeno sporcarsi le mani. Durante il tempo di lievitazione potrete dedicarvi a quello che preferite: l’impasto vi starà aspettando per essere infornato.

Anche i principianti o le persone che hanno pochissimo tempo a disposizione possono cimentarsi con ottimi risultati. Sul web ci sono tantissime ricette a riguardo, con infinite personalizzazioni e interpretazioni. Questa è la mia, tanto apprezzata, sia come accompagnamento ai pasti, sia come componente per uno spuntino, sia come alleato a Nutella e marmellate a colazione.

Pane senza impasto

•••••

pane senza impasto (no knead bread)

ingredienti

500 g di farina 0
380 ml di acqua
12 g di lievito di birra fresco
2 cucchiaini rasi di sale
1 cucchiaino di miele
semola rimacinata di grano duro

procedimento

In una ciotola capiente, versare la farina (non è necessario setacciarla). Disporre il sale lungo i bordi della ciotola e, con l’aiuto di una forchetta, realizzare una “conca” al centro. In una caraffa, misurare l’acqua (in inverno, se le temperature della stanza sono un po’ basse, usare acqua tiepida), disciogliervi il lievito ed aggiungere il miele. Versare il tutto al centro della farina e, con l’aiuto di una forchetta, mescolare fino ad assorbimento della farina.

Infarinate leggermente la superficie dell’impasto, quindi coprire con un telo di cotone e mettere a riposare in luogo caldo al riparo da correnti per circa 3 ore.

Trascorso questo tempo, infarinare la spianatoia con un pugno di semola di grano duro, versarvi l’impasto aiutandovi, possibilmente, con una spatola e procedere con la formatura.

E’ possibile fare un unico filone, rotolandolo delicatamente sulla spianatoia, con l’aiuto di una spatola rigida, in modo da infarinarne completamente le superfici.
In alternativa, è possibile fare più filoncini, stretti e lunghi (ottenendo fette di piccole dimensioni come in foto), dividendo l’impasto longitudinalmente con l’aiuto di una spatola rigida, premendola fino a tagliare l’impasto; rotolare quindi i filoncini sulla semola di grano duro, fino ad infarinarne le superfici.
Infine, è possibile fare piccole ciabattine, dividendo in 4 parti l’impasto, sempre con la spatola rigida, ed avendo cura di infarinarle. E’ importante, poichè l’impasto è molto appiccicoso, maneggiarlo con mani, spianatoia e utensili ben infarinati.

Trasferire il pane formato su una teglia coperta con carta da forno e infornare in forno elettrico ventilato preriscaldato a 235°C per 20 minuti (per il filone intero) o 240°C per 15 minuti (per pezzature inferiori).
A cottura ultimata, far raffreddare il pane su una griglia per disperdere l’umidità in eccesso che, diversamente, renderebbe il pane gommoso.

Per verificare la cottura, “bussare” il pane: se “suona vuoto” il pane è cotto.

un consiglio in più

Vale sempre la pena ricordare che ogni forno ha il suo carattere e, pertanto, le prime volte, è sempre opportuno “tenere d’occhio” l’andamento della cottura per verificare se i tempi e le temperature necessitino di piccole correzioni.

•••••

Pane senza impasto

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia,
seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)
Lifferia è anche su TwitterGoogle+ e Pinterest!

Torna alla HOME PAGE oppure naviga tra le RICETTE
…e non dimenticare di iscriverti alla NEWSLETTER GRATUITA di Lifferia.

Potrebbero interessarti anche:

PANE ALLE OLIVE
SENZA IMPASTO
Pane alle olive senza impastoSTECCHE DI
JIM LAHEY

Stecche di Jim

2 Commenti su Pane senza impasto (no knead bread)

  1. Salve mi chiamo Vasso e vi scrivo da Atene dove vivo con la mia famiglia. Mi piace cucinare e faccio il pane da molti anni . Il mio e un pane semplice con alveatura fitta perche va impastato molto penso. Ora vorrei sapere se possibile ,se posso sostituire il lievito di birra con lievito madre che uso io in questa sua ricetta .

    Grazie
    Vasso

    • Buongiorno Vasso, mi scuso per non aver risposto prima: sono rimasta senza connessione internet per alcuni giorni e non sono riuscita ad intervenire tempestivamente.
      Certamente puoi fare questo pane anche con il lievito madre: a tal fine ti lascio questo LINK, nel quale potrai trovare una comoda tabella di conversione da lievito di birra a lievito madre, per adattare in modo indicativo le dosi della ricetta.

      Buona panificazione ed un saluto a tutta la Grecia! :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.