Bocconcini al rosmarino

Nella cucina della Lifferia, si sa, non si butta via niente. Sarà che la nonna, classe 1936, mi ha fatto una testa così riguardo al “risparmiare” e “riciclare”; sarà che io, l’avversione allo spreco, ce l’ho proprio nel sangue. Fatto sta che mi infastidisce buttar via, perchè ogni nostro spreco, prima ancora di essere una perdita per noi in prima persona, è una dispersione di risorse in più ampia scala. E così, nel mio piccolo, cerco di sempre di recuperare un po’ tutto il recuperabile.

Ad esempio, quando preparo la panatura per le cotolette, i bocconcini di mozzarella o qualche altro piatto che la richiede, mi avanza sistematicamente l’uovo sbattuto ed il pangrattato. Ed è così che nascono i bocconcini al rosmarino, piccole palline aromatizzate, così sfiziose che difficilmente qualcuno potrebbe credere che siano un riciclo creativo in cucina.

Basta davvero poco per reinventare qualcosa e non necessariamente un riciclo dev’essere un ripiego, tutt’altro! Per ovvie ragioni, nel condividere questa idea dei bocconcini al rosmarino della mia cucina, le dosi saranno indicative, poichè trattandosi di un recupero, nessuno mai avrà dosi precise al grammo. Tuttavia, i bocconcini al rosmarino sono facilissimi e sono una ghiottoneria che può preparare anche un bambino. :-)

Bocconcini al rosmarino

•••••

bocconcini al rosmarino

scarica la ricetta stampabile

ingredienti

uova sbattute
pangrattato
rosmarino
sale

olio di semi per friggere

procedimento

Tritare il rosmarino. Salare le uova sbattute ed unirvi il trito di rosmarino, mescolando bene. Incorporare il pangrattato, in quantità sufficiente ad ottenere un impasto omogeneo, dalla consistenza simile a quello delle polpette. Se necessario, aggiungere altro pangrattato, al fine di conseguire questo risultato.

Prelevare la quantità di un cucchiaino dall’impasto e, con le mani inumidite, formare tante palline fino ad esaurimento dell’impasto.

In una padella, scaldare abbondante olio di semi e tuffarvi i bocconcini al rosmarino, cuocendoli fino a doratura. Scolare i bocconcini al rosmarino su carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso e servire caldi o tiepidi.

•••••

Bocconcini al rosmarino

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia,
seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)

6 Commenti su Bocconcini al rosmarino | Finger food

    • Ciao Jeka, molto dipende anche dalle dimensioni: se le fai piccine, 2-3 uova dovrebbero bastare. Considera che, essendo nata come ricetta di recupero, è estremamente adattabile. :)

      A presto,
      Deborah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.