Crea sito

Piadine sfogliate con olio d’oliva

Ecco le mie Piadine sfogliate con olio d’oliva, quelle a modo mio che preparo con latte e quando ne ho, aggiungo anche gli esuberi di lievito naturale.

La ricetta è la stessa delle piadine morbide e arrotolabili, e anche queste restano ugualmente morbide e da arrotolare ma in più sono sfogliate,con olio d’oliva ma se volete potete utilizzare lo strutto.

Il procedimento è leggermente più lungo ma ne vale davvero la pena, mio figlio le adora ed è una vera soddisfazione quando me ne chiede una in più ❤

Sandra

Piadine sfogliate con olio d'oliva

Ingredienti per 6-8 piadine

  • 200 farina 0  
  • 200 farina manitoba
  • 230 g latte (oppure metà latte metà acqua)
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 3 g sale
  • Olio extravergine vergine di oliva per spennellare

se volete smaltire un po di esubero di lievito madre:

per chi ha il li.co.li.

  • 100 g di licoli
  • 150 farina 0  
  • 150 farina manitoba
  • 180 g latte (oppure metà latte metà acqua)
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 3 g sale
  • Olio extravergine vergine di oliva per spennellare

se usate a solida 

  • 150 g di solida
  • 125 g di farina 0
  • 125 g di farina manitoba
  • 180 g latte (oppure metà latte metà acqua)
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 3 g sale
  • Olio extravergine vergine di oliva per spennellare

Come fare le Piadine sfogliate con olio d’oliva

In una ciotola amalgamate insieme al latte, il sale, l’olio ed il lievito madre se lo state utilizzando, mescolate bene finché non sarà un fluido omogeneo. 

Iniziate ad inserire le farine miscelate tra loro ed impastate, passate sulla spianatoia per lavorare meglio. 

Lasciate riposare l’impasto sotto una ciotola a campana per una mezz’ora. 

Trascorso il tempo, dividete l’impasto in 68 pezzi uguali, formate palline ben chiuse sotto e lasciate riposare ancora mezz’ora coperte con un canovaccio pulito.

Trascorso il tempo procediamo alla sfogliatura delle piadine, stendetele su un piano infarinato e spennellatele con l’olio. Arrotolatele strette strette e poi rigiratele a chiocciola.

Ripetere l’operazione per ogni pallina e riponete tutte chioccioline in un contenitore richiudibile.

Preparate in questo modo devono riposare almeno per un’oretta prima di essere stese e poi cotte. Se volete cuocere le piadine molte ore più tardi o persino il giorno dopo, trasferite il contenitore chiuso in frigo. Se le avete fatte con lievito madre aspettatevi un leggero aumento di volume conservandole in frigo un giorno intero.

Quando vorrete cuocere le piadine devono essere a temperatura ambiente per una miglior stesura, se le avete parcheggiate in frigo tiratele fuori almeno 45 minuti prima.

A questo punto siamo pronti per cuocere le piadine. Se avete il TESTO, la tipica padella apposita per cucinare le piadine, iniziate a scaldarlo ben bene, altrimenti utilizzate una buona padella antiaderente, io ne utilizzo una in pietra.

Nel frattempo infarinate leggermente il piano di lavoro e con un matterello appiattite le chioccioline. 

Quando la padella sarà ben calda, trasferite dentro la prima piadina e rigiratela dopo 2 minuti circa, controllate la colorazione sul fondo e regolatevi così se abbassare o alzare leggermente la fiamma, se si formano delle bolle di aria lasciatele pure, saranno morbidissime e anche belle da vedere.

Impilate le piadine cotte su un piatto e tenetele al caldo coprendole con un canovaccio, in questo modo tratterranno umidità e resteranno morbide e arrotolabili senza spezzarsi esattamente come le piadine arrotolabili senza sfogliatura che ho pubblicato qualche giorno fa.

Potete conservare in questo modo le piadine in frigo per 2 o tre giorni sigillandole bene con pellicola, io le congelo alcune volte e quando vado a riprenderle tornano morbide come appena fatte.

Seguimi sui social: Instagram FACEBOOK PINTEREST YOUTUBE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.