Crea sito

Il casatiello napoletano

Il rustico tipico della Pasqua partenopea è il casatiello napoletano, una torta salata spesso confusa con il suo amico tortano. La differenza tra casatiello e tortano consiste nel fatto che nel primo, le uova si trovano sulla corona, sigillate con due strisce di impasto messe a croce, nel tortano invece le uova sode vengono usate come farcitura interna.

Senza contare poi le infinite varianti e personalizzazioni, c’è chi aggiunge i cicoli, chi lo fa sfogliato e chi rigorosamente solo con lievito madre. Il casatiello napoletano che si prepara a Pasqua, rappresenta la corona di spine del Crocifisso, si mangia il sabato santo insieme alle fave, alla soppressata e quello che avanza si porta al pic-nic di Pasquetta.

Sul mio blog trovate diverse ricette utili per il menù di Pasqua, date uno sguardo a questa collezione cliccando qui.

Sandra

Ingredienti per uno stampo da 32 cm di diametro con buco al centro

  • 600 g di farina 0
  • 12 g di lievito di birra fresco oppure 6 g di quello disidratato
  • 300 ml di acqua
  • 100 g di sugna + 50 grammi che serviranno alla fine
  • 100 g di pecorino gtattugiato
  • 350 g di salame napoletano a cubetti
  • 350 g di provolone a cubetti
  • 100 g di cicoli (opzionale)
  • 4 uova
  • sale
  • pepe

Procedimento per l’impasto del casatiello napoletano

Potete impastare il vostro casatiello napoletano a mano, con una planetaria o con il bimby.

Sciogliete il lievito in due dita di acqua tiepida e aggiungetela alla farina setacciata, iniziate ad impastare e aggiungetela man mano fino a finirla tutta.

A questo punto iniziate ad aggiungere anche la sugna poca per volta, lasciatela assorbire bene e tra una dose e l’altra aggiungete un po’ di sale e abbondante pepe.Finite di inserire tutta la sugne e finite con metà del formaggio grattugiato.

Uniformate l’impasto ben bene e formate una bella palla. Mettetela a lievitare in una ciotola per almeno 1 oretta, deve aumentare visibilmente di volume.

Quando è giunto quasi al raddoppio stendete l’impasto a formare un rettangolo, mantenete uno spessore di almeno 1 cm. Ritagliate i lati per farlo bello dritto e per ricavare un po’ di pasta che vi servirà per fermare le uova alla fine.

Formatura del casatiello napoletano

Distribuite su tutta la superficie i pezzi di salumi e formaggio a cubetti, cospargete con il rimanente formaggio grattugiato. Arrotolate ora partendo dal lato lungo e cercando di mantenere il rotolo ben stretto senza grandi vuoti di aria dentro.

Ungete lo stampo con parte dello strutto che avete da parte e sistemate con delicatezza il salsicciotto dentro, a formare una ciambella.

Coprite con pellicola trasparente per non far asciugare l’impasto e ponete a lievitare. Se volete potete lasciarlo fuori tutta la notte perché impiegherà circa 6/8 ore a lievitare, se poi preferite velocizzare l’operazione potete coprirlo bene con coperte e metterlo al riparo da correnti affinché sia pronto da infornare nel giro di 3 ore circa.

Quando sarà giunto il momento di infornare finalmente, preriscaldate il forno a 170 ° modalità statico, intanto lavate le uova e asciugatele, sistematele sulla ciambella e con l’impasto che avete tenuto da parte formate le striscioline per fare delle croci su ogni singolo uovo.

Spennellate tutta la superficie del casatiello con lo strutto e infornate per 1 oretta circa.

Lasciatelo raffreddare completamente prima di servire, anzi, normalmente il casatiello si prepara il giorno prima perché con il riposo diventa ancora più saporito.

Seguimi sui social: Instagram FACEBOOK PINTEREST YOUTUBE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.