Frittura di calamari dorata e asciutta

Per fare una buona frittura di calamari dorata e asciutta bastano pochissimi ingredienti e solo 5 minuti di tempo. Mentre l’olio diventa ben caldo asciugate ed infarinate gli anelli di calamari, se volete aggiungere anche i gamberetti la vostra frittura sarà ancora più invitante.

Preparate il pesce in anticipo, pulite i gamberi eliminando il carapace ed eventualmente anche il budello nero che si intravede sulla schiena, pulite, spellate e tagliate i calamari ad anelli e teneteli in frigorifero fino al momento di servirli, si friggono in 5 minuti e vanno serviti al momento, con quarti di limone e insalata fresca.

Sandra

Frittura di calamari dorata e asciutta

Ingredienti per una frittura di gamberi e calamari per 4 persone

  • 500 g di calamari eviscerati e spellati
  • eventualmente aggiungete 300 g di gamberetti puliti 
  • 150 g di farina di semola rimacinata
  • 150 g di farina 0 ( oppure potete utilizzare anche tutta farina di grano duro invece di miscelare i due tipi diversi)
  • 1 litro di olio di semi di arachidi
  • Sale qb
  • Carta da cucina

Preparazione della frittura di calamari dorata e asciutta 

Eliminate le viscere dalla sacca del calamaro ed estraete il becco che sia trova tra i tentacoli giusto al centro, sfilate anche l’osso che si trova attaccato all’interno della sacca, lo riconoscete perché sembra una lunga e sottile e trasparente piuma, se il vostro pescivendolo di fiducia lo ha già fatto vi basterà risciacquare sotto l’acqua corrente i cefalopodi.

Con un coltello affilato tagliate ad anelli spessi 1,5 cm e dividete i tentacoli a metà se sono molto grandi.

Se manca ancora molto al momento in cui dovete friggerli e servirli,teneteli in frigorifero coperti con un piatto fino al momento dell’utilizzo.

In una padella profonda fate scaldate abbondante olio di arachidi, fate la prova con la parte finale di un cuccchiaio di legno o con uno stuzzicadenti, immergetelo nell’olio e solo se inizia a sfrigolare immediatamente è pronto per friggere.

Se avete anche i gamberetti asciugateli per primi con delicatezza in un canovaccio pulito, poi passate ad asciugatre anche gli anelli e i tentacoli, con un canovaccio pulito altrimenti durante la frittura schizzeranno pericolosissime gocce di olio bollente anche ad una notevole distanza.

In una ciotola versate le farine e miscelatele tra loro, aggiungete i calamari e gamberi e fate aderire bene la farina su tutti gli anelletti e i tentacoli in modo uniforme.

Appena l’olio sarà pronto immergete delicatamente i tentacoli pochi per volta, gli anelli non devono stare troppo addossati tra loro nella padella.

Prelevate gli anelli con una schiumarola appena saranno dorati, ci vorranno 4 o 5 minuti, e metteteli subito su dei fogli di carta da cucina per far assorbire l’olio, aggiungete una presa di sale e servite subito in  un vassoio  con una spruzzata di limone.

La frittura di calamari e gamberi non può  essere preparata con anticipo perché una volta freddi diventano gommosi e perdono fragranza, per questo è importante farla al momento.

Se amate le ricette con i calamari e ne avete ancora qualcuno da cucinare provate anche la ricetta dei miei calamari imbottiti alla pantesca.

Seguimi sui social: Instagram FACEBOOK PINTEREST YOUTUBE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.