Crea sito

Lollipop cake per il compleanno di Lucrezia

Buongiorno ragazzi oggi voglio presentarvi la Lollipops cake che ho preparato per  il compleanno di Lucrezia. Le torte decorate non sempre sono amate perchè bellissime da vedere ma nonn sempre buone da gustare. Io vorrei smentire questo pregiudizio ed a giudicare dall’apprezzamento che ottengono le mie torte decorate tra parenti ed amici forse è possibile.

Questa volta si tratta di una Lollipops cake quindi una torta decorata molto colorata, su due piani allegra ma al tempo stesso elegante. Proprio come la festeggiata giovane ragazza di nove anni desiderava per il suo compleanno. La copertura in pasta di zucchero è totalmente realizzata con la mia pasta di zucchero fatta in casa, quindi genuina e priva di conservanti.


Si tratta di una base vera cioè tutta torta commestibile ed un piano rialzato realizzato con una base di polistirolo sempre rivestita in pasta di zucchero.

Per realizzare la base commestibile ho preparato un pan di spagna al cacao da 25 cm di circonferenza, pertanto ho utilizzato una dose e mezza della ricetta del pan di spagna al cacao, così da ottenere una base bella alta. Ho aspettato circa 8 ore che la base si raffreddasse bene poi l’ho tagliata in tre strati e farcita con uno strato di crema diplomatica e gocce di cioccolato fondente ed uno strato di crema leggera al cioccolato al  latte. Per la bagna essendo presenti molti bambini ho utilizzato solo sciroppo di zucchero.

Dopo aver farcito la torta l’ho lasciata riposare nella parte più fredda del mio frigorifero per una notte intera, dopo questo passaggio l’ho stuccata con crema al burro e subito ricoperta di pasta di zucchero.

Per le decorazioni vi consiglio di utilizzare pasta da modellaggio ma di prepararle con largo anticipo altrimenti non reggeranno e si piegheranno su loro stesse.

Vi ricordo SEMPRE  per le torte più piani di utilizzare i sostegni tra un piano e l’altro io li utilizzo in plastica dura tagliati a misura un millimetro circa più alto della base dove devono poggiare così da non notarsi ma da permettere che il piano sopra non “schiacci” il piano inferiore.

Spero di essere stata chiara nelle spiegazioni altrimenti non esitate a contattarmi qui o nelle mie pagine FB e Instagram.