Crea sito

Treccine sfogliate allo zucchero

Era un po’ di tempo che volevo realizzare le treccine sfogliate allo zucchero. Ormai sono parecchi anni che non acquisto più le merendine confezionate, ci vuole pochissimo a preparare una bella torta, dei muffin o dei golosi biscotti da consumare durante la colazione o la merenda delle quattro. Si sa, però, che i lievitati e soprattutto i lievitati sfogliati sono un pochino più laboriosi. Ma non mi sono fatta spaventare e mi sono messa all’opera! Dopo i fantastici croissant alla vaniglia che ho iniziato a preparare con i preziosi consigli di Anna, potete leggere la ricetta qui, mi sono messa all’opera e il risultato è stato più che soddisfacente!

Buona lettura!

Treccine sfogliate allo zucchero
  • Preparazione: 20 più il tempo della lievitazione Minuti
  • Cottura: 12 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 12 treccine
  • Costo: Basso

Ingredienti

Per l'impasto delle treccine

  • 450 g Farina 00
  • 200 ml Latte intero
  • 50 g Zucchero
  • 50 g Burro
  • 12 g Lievito di birra fresco
  • 3 Tuorli
  • 1 cucchiaino Estratto di vaniglia
  • 1 pizzico Sale

Per la sfogliatura

  • 200 g Burro
  • 200 g Zucchero

Preparazione

  1. Mettete in una ciotola il latte intiepidito e scioglietevi dentro il lievito di birra. E’ pronto quando si sarà formata la caratteristica schiumetta in superficie.

  2. Versate nella ciotola della planetaria la farina, lo zucchero, l’estratto di vaniglia e il latte con il lievito. Azionate la planetaria con il gancio e iniziate a lavorare l’impasto.

  3. Aggiungete un tuorlo per volta, aspettando che il precedente si sia completamente assorbito prima di aggiungerne un altro.

    Appena i tuorli sono ben amalgamati, aggiungete il pizzico di sale e iniziate ad incorporare il burro morbido a pezzetti. Anche in questo caso aspettate che il burro sia assorbito prima di aggiungere il nuovo pezzetto.

  4. Lavorate l’impasto bene. Quando è ben incordato trasferitelo in una ciotola, copritelo con la pellicola trasparente e lasciatelo lievitare fino al raddoppio in un luogo tiepido.

  5. Nel frattempo mescolate il burro per la sfogliatura con lo zucchero, formando una crema omogenea.

  6. Riprendete l’impasto lievitato e trasferitelo sul tagliere. Sgonfiatelo leggermente senza però lavorarlo troppo, un paio di giro saranno sufficienti.

    Dividete l’impasto in due parti uguali, sarà in questo modo più facile stenderlo. Tirate con il mattarello l’impasto in una lunga sfoglia, pareggiate un pochino i bordi in modo da formare un rettangolo abbastanza regolare. Lo spessore dovrebbe essere di circa 2-3 mm.

  7. Stendete la crema di burro su una parte di sfoglia, circa venti centimetri, ripiegate la parte di sfoglia vicina e spalmate di nuovo la superficie della sfoglia. Ripiegate di nuovo il pezzo di sfoglia seguente e spalmate nuovamente la sfoglia. Terminate il panetto con una piega senza crema al burro. Dovreste ottenere una specie di panetto a strati, tipo un libro. Procedete nello stesso modo anche con il secondo pezzo di impasto.

    Schiacciate leggermente i panetti e tagliateli a fette larghe circa due centimetri.

  8. Appoggiate le fette di impasto sfogliato su una placca rivestita da carta forno, facendo una mezza torsione al momento di appoggiarli. In questo modo si apriranno a treccina.

    Lasciate lievitare le treccine allo zucchero per un’ora.

  9. Cuocete in forno a 170° per circa 15 minuti. Se volete renderle più lucide potete finire le treccine con un pochino di tuorlo d’uovo diluito con un goccino di latte oppure, come ho fatto io, con un poco di crema di burro della sfogliatura.

    Appena pronte, sfornatele e lasciatele raffreddare completamente su una griglia prima di servirle.

    Le treccine allo zucchero si conservano alcuni giorni chiuse in un contenitore ermetico.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.