Crea sito

Pizza alla Norma

E’ un po’ di tempo che non pubblico una pizza, quest’anno non è stato facile per me e Gianni Di Lella poterci trovare per sperimentare insieme ingredienti e sapori nuovi.
La pizza alla Norma è stata l’ultima pizza che abbiamo preparato prima del lockdown, l’ho conservata qui senza farvela vedere in previsione di tempi migliori. Purtroppo non possiamo ancora incontrarci e il progetto Special & Good taste pizza è momentaneamente sospeso.

Siccome dobbiamo stare in casa e il tempo per impastare non ci manca, io inizio a raccontarvi la ricetta. Venerdì possiamo impastare insieme e poi sabato prepariamo la pizza alla Norma per gustarcela virtualmente tutti insieme!

Voglio però spezzare una lancia a favore dei tanti ristoratori che in questo momento storico stanno affrontando tante difficoltà. E’ vero che possiamo impastare la pizza a casa, ma quando è possibile chiamiamo il nostro pizzaiolo di fiducia che sarà ben lieto di portarci la pizza a casa, bella fumante!

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni 4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la pizza alla Norma

  • 800 gfarina 0
  • 510 gacqua
  • 20 gsale fino
  • 2 glievito di birra fresco
  • 300 gmozzarella
  • 200 gpassata di pomodoro
  • 1melanzana
  • 100 gpecorino siciliano
  • 1 mazzettobasilico
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Sciogliete il lievito di birra in un pochino d’acqua, prelevandolo dal totale. Versate la farina in una ciotola e fate la fontana. Aggiungete il lievito sciolto al centro e il sale sul bordo.

    Iniziate ad incorporare la farina e mano a mano aggiungete l’acqua. Lavorate alcuni minuti poi passate l’impasto sul tagliere di legno e impastate il composto per 10 minuti. Durante questa fase, ripiegate l’impasto su se stesso spingendo con il palmo della mano, non lo stiracchiate ne strappate. Il movimento deve essere quasi rotatorio, spingendo e ripiegando più volte. Alla fine dovrete ottenere un impasto liscio e morbido.

    Ungete leggermente una ciotola di vetro, sistemate l’impasto e copritelo con la pellicola trasparente.

    Lasciate lievitare per 1 ora a temperatura ambiente.

  2. Trascorso questo tempo, trasferite l’impasto in frigorifero per almeno 8-10 ore. Anche se rimane più tempo non ci sono problemi, anche 15-18 ore vanno bene.

    Togliete la pasta dal frigorifero e lasciatela lievitare almeno 2 ore a temperatura ambiente.

  3. Nel frattempo preparate le melanzane per la farcitura.

    Lavate e asciugate la melanzana. tagliatela a cubetti e friggetela in abbondante olio extra vergine di oliva. Esattamente come se steste facendo il sugo per la Norma.

    Una volta cotte, scolate e melanzane e lasciate asciugare su un foglio di carta assorbente.

  4. Mettete la pasta sul tagliere di legno, spolverato con un pochino di farina e dividete l’impasto in quattro parti.

    Iniziate a tirare la pasta con i palmi delle mani, senza strapparla, cercando di fare dei movimenti rotatori. Procedete in questo modo per tutte e quattro le basi.

    Farcite le quattro basi con la passata di pomodoro, precedentemente condita con due cucchiai d’olio extravergine e un pizzico di sale, quindi tagliate a cubetti la mozzarella e distribuitela in modo uniforme sulle basi.

  5. Distribuite in modo uniforme le melanzane fritte sulle basi.

    Cuocete in forno caldo a 200° per circa 20 minuti, controllate la cottura, il bordo deve essere ben dorato e sollevando la pizza il fondo deve essere cotto.

    Decorate con alcune foglie di basilico e una generosa spolverata di pecorino grattugiato.

    Servite subito le pizze belle calde.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.