Piada e Santo Giovese a nozze: ecco la “Piavina”!

Piada e Santo Giovese a nozze: ecco la “Piavina”!

La stagione estiva è arrivata e, complice la perdurante crisi, le vacanze tradizionali diminuiscono a vantaggio delle più brevi ed economiche gite fuori porta: la Romagna, naturalmente, è una delle mete predilette.
Vi propongo una visita a Predappio Alta, piacevole borgo medievale in provincia di Forlì-Cesena. Nella centrale piazza Cavour si trova il ristorante-enoteca “La Vëcia Cantêna d’la Prè – Ca’ de Sanzvés”, autentico luogo di culto per gli appassionati della cucina del territorio. È ubicato nei locali delle antiche Cantine Zoli, costruite su tre piani. In quello superiore ― un tempo adibito a zona ricevimento uve e pigiatura ― si trova la sala da pranzo; nei due sottostanti ha sede il suggestivo Museo del vino, dove è possibile osservare le attrezzature enologiche utilizzate nel passato.
Barbara, titolare del locale, ha ideato la “Piavina”: la tradizionale focaccia romagnola unita al Santo Giovese, il profeta rosso e pagano di queste fortunate terre. La fragranza è quella caratteristica della piada tradizionale; il colore è rosseggiante, perché durante la fase di cottura il vino viene assorbito dal disco di pasta. È ottima accompagnata ai formaggi; ancora meglio se abbinata alla gustosa selezione di salumi che il locale offre per soddisfare i palati più esigenti.
La ricetta? È segreta. Perciò… fate un salto a Predappio Alta, e ricordatevi che siam nati per godere!
Evviva!

Francesco Battaglia

Seguimi sulla mia pagina FB clicca QUI

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.