Oroscopo in cucina: il Toro

Il Toro è il segno zodiacale che andremo a raccontare questo mese. Come sapete sarà Cristina Poltronieri, naturopata con il pallino per lo zodiaco ad accompagnarci in questo viaggio attraverso i segni zodiacali.

Le caratteristiche del segno del Toro

E’ il secondo segno dello Zodiaco, ed è governato da Venere. E’ un segno femminile. Il suo elemento è la Terra, Il suo colore è il verde; la pietra portafortuna è lo smeraldo e il giorno fortunato è il Venerdì.

Il simbolo astrologico del Toro rappresenta la testa e le corna delle stelle che costituiscono la costellazione del Toro.

Il Sole occupa, nello Zodiaco Tropicale, i gradi del Toro, per approssimazione, dal 20 Aprile al 20 Maggio.

Il Toro è il primo segno di stampo introverso dello Zodiaco. E’ un segno molto metodico, che porta a termine tutti gli scopi che si prefigge. A volte è considerato lento. In realtà, nel ciclo dello Zodiaco, è il segno che viene dopo l’Ariete e che deve dunque recuperare le forze sprecate dall’Ariete stesso nella sua irruenza. La sua natura è dunque tutta dedita alla “conservazione”: del cibo, degli affetti, dei denari.

Governato, come il segno della Bilancia, da Venere, il Toro ha una grande sensualità, molto naturale, che lo porta a vivere i rapporti amorosi nonché erotici con una rara spontaneità. Questa sensualità si manifesta anche in un amore per l’artigianato e per le cose belle.

Gode di ottima salute perché è un segno molto vicino ai cicli naturali. Anatomicamente, il segno del Toro corrisponde alla parte inferiore del volto: bocca, collo e alla gola. Se un individuo ha pianeti afflitti in questo segno, tenderà a coprire queste zone del corpo con foulard e sciarpe. Al contrario, pianeti posti positivamente nel segno taurino porteranno l’insofferenza verso qualsiasi tipo di costrizione alla gola, compresa la cravatta, per gli uomini.

Archetipo del Toro, l’Imperatore – illustrazione di Eleonora Sita

Il Toro in cucina

Il Toro adora la buona tavola ed è un vero e proprio intenditore e buongustaio, ha un palato raffinato e predilige quindi la qualità alla quantità; ghiottissimo di dolci, ama tutto ciò che è buono e si presenta bene nel piatto, apprezzando anche la bellezza e l’estetica del piatto che gli viene presentato, perché mangia usando e godendo di tutti e cinque i sensi! Adorando la cucina tradizionale preferisce le trattorie casalinghe, quelle “ruspanti”, con le classiche tovaglie a quadri ed il vino servito nelle tipiche “fiaschette”; trovandosi in perfetta sintonia con la natura, il Toro non può che essere il tipico frequentatore di agriturismi, attento degustatore di cibi naturali, genuini e possibilmente biologici. La donna Toro è la più brava cuoca dello Zodiaco; è capace di redigere un pranzo od una cena perfetta, apparecchiando la tavola prestando la massima attenzione ad ogni particolare, senza lasciare niente al caso e guarnendo i piatti con grande cura ed impegno: una delizia non solo per il palato ma anche per la vista! Per questi ovvi motivi, il Toro tende però ad ingrassare e ad avere così una costituzione piuttosto robusta, ma riesce comunque a tenere abbastanza d’occhio la linea grazie alla tenacia ed alla perseveranza che lo contraddistingue se decide di seguire una dieta.

Al Toro dedichiamo un dolce bellissimo, la Pavlova, il dolce simbolo dell’Australia dedicato alla ballerina Anna Pavlova.

toro-pavlova

Ricetta: Pavlova ai frutti di bosco

Ingredienti

  • 4 albumi
  • 225 g di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di amido di mais
  • ½ cucchiaino di aceto di vino bianco
  • 450 ml di panna fresca da montare
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • frutti di bosco a piacere

Preparazione

Accendete il forno a 160°.
Tagliate un foglio di carta forno della larghezza della vostra teglia e disegnate un cerchio di circa 25 cm di diametro. Girate il foglio e appoggiatelo sulla teglia.
Montate gli albumi a neve, quando iniziano a essere spumosi aggiungete lo zucchero poco alla volta, l’amido di mais e l’aceto sempre continuando a montare.
Alla fine il composto dovrà risultare denso e lucido.
Versate la meringa nella teglia dandogli una forma rotonda, aiutatevi con il cerchio che avete disegnato prima.
Assicuratevi che i bordi siano rialzati e che al centro vi sia un incavo in cui verserete la panna. Spalmate fino a ½ cm dal bordo disegnato.
Infornate per 1 ora e 15 minuti circa; all’inizio a 160° C, dopo i primi 20 minuti abbassate la temperatura a 140° C e cuocete per i restanti minuti.
Estraete la meringa dal forno insieme alla carta da forno, allontanatela dalla teglia e lasciate raffreddare.
A questo punto potete togliere la carta e trasferirla sul piatto da portata.
Nel frattempo preparate la frutta. Lavate delicatamente i frutti di bosco e conditeli con un pochino di zucchero, in questo modo formeranno un goloso sughetto.
Montate la panna con lo zucchero a velo e riempite l’incavo della Pavlova.

Decorate con la frutta preparata e servite subito.

Gli altri segni zodiacali:

Acquario

Pesci

Ariete

pavlova-toro

La Radio non è un frigo

Anche per i Pesci vi ricordo l’appuntamento mensile con Cristina nella nostra, mia e di Claudio Casolari, trasmissione in radio. Se mi seguite sui social avrete visto che da un paio di mesi sono una delle due voci della trasmissione “LA RADIO NON E’ UN FRIGO” che va in onda su LINEA RADIO-WEB RADIO STATION tutti i venerdì alle ore 12:30 e in replica la domenica mattina alle ore 10:30.

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.