Crea sito

La degustazione dell’olio extravergine di oliva

La degustazione dell’olio extravergine di oliva è un’esperienza unica nel suo genere, che permette di scoprire aromi, colori e caratteristiche di un territorio.

Proprio come il vino, anche l’olio extravergine di oliva viene valutato. Dall’assaggio “in purezza” ai bicchierini adatti esistono delle regole precise da seguire. Proviamo a rispettare queste poche regole e ci sembrerà di essere veri professionisti.

Degustazione dell’olio: il bicchiere giusto

Uno degli strumenti principali dell’assaggiatore di olio è un bicchierino piccolo e colorato dalla forma a tulipano. La sua forma aiuta a convogliare i profumi al naso e il suo colore è voluto per impedire che il colore dell’olio possa influenzare la degustazione. Il colore dell’olio extravergine di oliva non è caratteristica di qualità. La forma è anche perfetta per poterlo contenere agevolmente nel palmo della mano, per poter scaldare alla giusta temperatura l’olio che si sta degustando.

Degustazione dell’olio: come fare

È una operazione molto semplice. Si versano circa 15 ml di olio all’interno del bicchierino da degustazione e lo si tiene tra le mani in modo che l’olio arrivi alla temperatura di 28°C. non c’è bisogno del termometro, sarà pronto quando non si sente più la differenza di temperatura tra la mano e il bicchierino.

Fate ruotare il bicchierino tenendolo inclinato per favorire la risalita delle componenti volatili, quindi gli aromi. Avvicinate il naso e annusate per non più di 30 secondi, dopo il naso non percepisce più nessun aroma.

A questo punto si passa all’assaggio vero e proprio. Portate il bicchierino alla bocca e assaggiatene un pochino. Esattamente come si fa per il vino, inspirate l’aria dalla bocca con i denti stretti, questa operazione si chiama strippaggio, per far si che l’olio si ossidi, quindi si carichi di ossigeno e arrivi a tutte le papille gustative.

Non vi resta che provare ad individuare gli aromi, i sapori e i frutti contenuti dell’olio che si sta degustando.

Degustazione dell’olio: i parametri

I parametri rilevanti in un olio sono:

  • Fruttato: il bouquet di profumi che l’olio emana
  • Amaro: deve essere sempre equilibrato, con la piccantezza e mai predominarla
  • Piccante: l’olio non deve dar fastidio in gola, alla fine della degustazione la bocca deve rimanere pulita

Corpo: la consistenza dell’olio in bocca. Un buon olio deve in bocca e deve lasciare sensazioni piacevoli e morbide.

Abbinamento olio e cibo

L’olio extravergine di oliva si accompagna per similitudini di sapori. A un piatto sostanzioso va abbinato un olio robusto, corposo. Mentre ai cibi delicati vanno abbinati oli altrettanto delicati. Gli oli più oli amari si abbinano alle carni alla brace, bolliti, brasati e stracotti. Gli oli con una nota piccante maggiore insaporiscono molto bene i crostacei, i frutti di mare e primi piatti leggeri, ma anche i dolci.

Puoi trovare tanti argomenti interessanti nella sezione MAGAZINE.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.