Crea sito

Hawaiian pizza…a modo mio

Con l’hawaiian pizza credo che mi inimicherò metà della popolazione mondiale, mentre sarò adorata dall’altra metà. La pizza hawaiana è una di quelle cose che o la ami o la odi! Non c’è una via di mezzo, e posso anche capirlo. Però mi sono chiesta del perché questa pizza, dagli ingredienti che ricordano un piatto cinese, sia una delle pizze più amate negli Stati Uniti e in Australia. Vi sento! State dicendo che è una cosa ovvia, quelle persone non sanno cosa è la vera pizza! E di questo vi do ragione! Ma se provassimo a mettere gli ingredienti della hawaiian pizza su una vera pizza napoletana? Farebbe veramente schifo il risultato finale? E se rendessimo gourmet gli ingredienti sopra la pizza? E così ho imposto a Gianni di fare assolutamente questa pizza, e vi lascio immaginare con che faccia mi guardava mentre io, tutta compiaciuta, mostravo lo schizzo di come doveva venire la versione 2.0 della pizza più amata al mondo!Mi ha poi svelato che all’ultimo World Pizza un notissimo e illustrissimo pizzaiolo che detta le regole per tutti ha presentato la sua versione della pizza hawaiana. E allora noi inseriamo l’hawaiian pizza…a modo mio nella nostra raccolta “Special & Good taste pizza!

  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per l’impasto della pizza

  • 800 gFarina 0
  • 510 mlAcqua
  • 20 gSale fino
  • 2 gLievito di birra fresco
  • q.b.Olio extravergine d’oliva

Per la farcitura

  • 250 gananas (fresco)
  • 250 gPulled pork
  • 300 gMozzarella

Preparazione

  1. Sciogliete il lievito di birra in un pochino d’acqua, prelevandolo dal totale. Versate la farina in una ciotola e fate la fontana. Aggiungete il lievito sciolto al centro e il sale sul bordo.
    Iniziate ad incorporare la farina e mano a mano aggiungete l’acqua. Lavorate alcuni minuti poi passate l’impasto sul tagliere di legno e impastate il composto per 10 minuti. Durante questa fase, ripiegate l’impasto su se stesso spingendo con il palmo della mano, non lo stiracchiate ne strappate. Il movimento deve essere quasi rotatorio, spingendo e ripiegando più volte. Alla fine dovrete ottenere un impasto liscio e morbido.
    Ungete leggermente una ciotola di vetro con un filo d’olio extravergine di oliva, sistemate l’impasto e copritelo con la pellicola trasparente.
    Lasciate lievitare per 1 ora a temperatura ambiente.

  2. Trascorso questo tempo, trasferite l’impasto in frigorifero per almeno 8-10 ore. Anche se rimane più tempo non ci sono problemi, anche 15-18 ore vanno bene. Io ho utilizzato una farina forte e ho lasciato il mio impasto 12 ore. Togliete la pasta dal frigorifero e lasciatela lievitare almeno 2 ore a temperatura ambiente.

  3. Nel frattempo che l’impasto della pizza lievita preparate gli ingredienti per la farcitura. Tagliate l’ananas fresco a fette sottili, io le ho fatte spesse circa mezzo centimetro. Per fare questa operazione è molto comoda l’affettatrice, o potete acquistare l’ananas fresco già tagliato a fette sottili. Lo trovate nel banco frigo in qualsiasi supermercato. Mi raccomando fresco e non sciroppato nel barattolo. Grigliate le fette di ananas sulla piastra un paio di minuti per lato, una volta pronte appoggiatele su un piatto e tenetele da parte. Sbriciolate il pulled pork con le mani e conservate anche questo da parte. Tagliate a cubetti la mozzarella.

  4. Mettete l’impasto sul tagliere di legno, spolverato con un pochino di farina e dividetelo in quattro parti.
    Iniziate a tirare la pasta con i palmi delle mani, senza strapparla, cercando di fare dei movimenti rotatori. Procedete in questo modo per tutte e quattro le basi.
    Appoggiate le pizze sulle teglie da forno, leggermente unte con un pochino di olio extravergine di oliva.

  5. Distribuite in modo omogeneo la mozzarella sulle basi e infornate a 200° le pizze. A circa 3/4 della cottura, ritirate le pizze dal forno, distribuite in modo omogeneo il pulled pork e le fette di ananas grigliato e proseguite la cottura. Appena sono ben dorate toglietele dal forno e servite le hawaiian pizza…a modo mio caldissime.

PIZZA HAWAIANA: LA RICETTA ORIGINALE

  1. L’inventore della farcitura della pizza più discussa al mondo fu Sam Panopulos. A lui, ristoratore canadese di origini greche, si deve negli anni sessanta l’idea di utilizzare un impasto lievitato farcito con pomodoro e formaggio e completato con prosciutto cotto e pezzi di ananas in scatola. L’effetto dolce-salato non ha sfondato con i suoi concittadini che non avevano mai visto una pizza in vita loro, ma fece breccia negli stomaci dei vicini palati statunitensi. Infatti il suo ristorante, il “The Satellite” si trovava a Chatham-Kent, in Ontario, vicino al confine statunitense. All’epoca bisognava andare fino a Detroit per trovare una pizzeria. Dopo aver assaggiato la pizza statunitense decise quindi di riproporla nel suo ristorante con gli esiti che vi ho raccontato prima. Ciononostante la ricetta ebbe in seguito molto successo e da allora la pizza all’ananas e prosciutto cotto si è diffusa in tutto il mondo.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

2 Risposte a “Hawaiian pizza…a modo mio”

    1. Giovanni la hawaiian pizza non è sicuramente una delle mie pizze preferite, ma ha il suo perché. Io ho assaggiato anche la versione originale con l’ananas sciropatto e si allontana molto dal gusto italiano. Però se una persona ama il contrasto dolce-salato è un buon accostamento di sapori. La mia versione è molto italiana, ullet pork e ananas fresco grigliato, due sapori che sono molto glamour in questo momento e che si accostano alla perfezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.