Crea sito

Gnocchi di spinaci e ricotta con pesto ai carciofi e calendula

Con gli gnocchi di spinaci e ricotta con pesto ai carciofi e calendula partecipo ad un bellissimo contest in cui devo utilizzare i fiori come ingrediente in una ricetta salata o dolce.

In occasione dell’annuale manifestazione “Villa Ormond in Fiore”, coordinata dalla Fondazione Villa Ormond Events, che si tiene nella città di Sanremo, è stato indetto il contest “Buon appetito… fiorellino” ed insieme ad altre colleghe blogger di Aifb ho deciso di partecipare.

Mi è tornato in mente un ricordo di parecchi anni fa. A Pavullo nel Frignano (Mo), nel cuore del Parco del Frignano, non lontano da casa mia, c’è un agriturismo che adoro. Si chiama Beneverchio ed è un posto magico. La struttura più antica del locale risale al 1300, una semplice torre, come si era soliti costruire in difesa di un territorio e potete solo immaginare l’atmosfera che si respira in questo luogo. Nel tempo poi alla torre originaria sono stati aggiunti altri edifici; nel 1700 ha abitato questo luogo un medico, che era solito curare i suoi pazienti con le piante spontanee che trovava nei boschi vicini ma, soprattutto, con le piante e fiori che lui stesso coltivava nel giardino del palazzo. Il suo quaderno è stato trovato da Ornello, il proprietario dell’agriturismo, durante le fasi di restauro e preso dalla curiosità ha letto il prezioso manoscritto. Oltre alle varie ricette per preparare tinture, oleoliti e medicamenti vari, ha trovato tantissime ricette in cui veniva spiegato l’utilizzo dei fiori e delle piante in cucina. Una di queste ricette prevedeva l’uso della calendula, che cresce spontanea e in una delle mie visite ho avuto la fortuna di assaggiare. Ricordo ancora il sapore pepato e piccantino tipico di questo fiore.

La mia ricetta è completamente diversa da quella del medico condotto e da quella che tuttora viene servita agli ospiti di Ornello. Lui prepara una semplice pasta secca condita con questo sughetto. Io ho voluto arricchire gli gnocchi di spinaci e ricotta, che sono un piatto tipico toscano con un pesto di carciofi, noci e calendula. Tutti e tre questi ingredienti hanno delle straordinarie proprietà curative per il nostro organismo. Una vera e propria ricetta curativa!

Gnocchi di spinaci e ricotta con pesto ai carciofi e calendula
  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:35 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

Per gli gnocchi

  • 500 g Spinaci
  • 300 g Ricotta vaccina
  • 200 g Farina
  • 50 g Pecorino toscano (grattugiato)
  • 4 Uova
  • 1 Cipolla bianca (piccola)
  • 1 pizzico Noce moscata
  • 1 noce di burro
  • q.b. Sale

Per la salsa

  • 3 Carciofi romani
  • 50 g Noci (tritate)
  • 50 g Pecorino romano (grattugiato)
  • 1 spicchio Aglio
  • 4 cucchiai Olio extravergine d’oliva
  • 2 g Petali di calendula

Preparazione

  1. Lessate gli spinaci in pochissima acqua salata. Appena pronti, strizzateli bene e tritateli con il coltello.

    Fate fondere il burro in una padella larga, aggiungete la cipolla tritata finemente e lasciatela stufare a fuoco dolce. Appena sarà trasparente aggiungete gli spinaci tritati, mescolate e lasciate insaporire alcuni minuti. Una volta pronto, ritirate dal fuoco e lasciate raffreddare completamente.

  2. Ricavate tante palline grandi come piccole noci e lasciatele riposare almeno mezz’ora. Nel frattempo preparate il sugo ai carciofi, noci e calendula.

  3. In una ciotola amalgamate la ricotta, gli spinaci, il pecorino grattugiato, le uova. Aggiungete una grattatina di noce moscata e un pizzico di sale e farina quanto basa per ottenere un composto abbastanza consistente.

  4. Eliminate le foglie più dure dei carciofi, tagliateli in quattro parti ed eliminate la barbetta interna. Tagliate i carciofi a fettine sottili e metteteli a bagno in acqua acidulata con succo di limone.

    Sbucciate l’aglio, tritatelo finemente e mettetelo in una padella con un filo di olio extravergine di oliva; aggiungete i carciofi. Cuocete a fuoco dolce mescolando di tanto in tanto. Una volta cotti trasferite i carciofi nel bicchiere del mixer.

    Frullate i carciofi aggiungendo qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva, i petali di calendula e le noci. Tenete da parte qualche gheriglio di noce e un paio di cucchiaini di petali di calendula per la guarnizione.

    Aggiungete il pecorino e mescolate con cura.

  5. Cuocete gli gnocchi di spinaci e ricotta in abbondante acqua salata; prelevateli delicatamente con un mestolo forato mano a mano che vengono a galla e metteteli in una zuppiera in cui avete versato il condimento. Mescolate delicatamente.

    Servite gli gnocchi di spinaci e ricotta con pesto ai carciofi e calendula nei piatti individuali decorando ogni piatto con un pochino di noci tritate e un pochino di petali di calendula.

  6. “Questa ricetta partecipa al Contest Buon appetito… fiorellino”

Tips

  1. La calendula è una pianta erbacea annuale, appartenente alle Asteraceae e a proprio agio nell’areale mediterraneo, comune sia nei giardini che allo stato selvatico col suo bel colore giallo arancio.

    I fiori sono oltretutto edibili ed utilizzati in erboristeria, perché, come il basilico e altre piante aromatiche, sono ricchissimi di oli essenziali e, più in generale, di terpeni.

    Abbondano inoltre carotenoidi e flavonoidi, oltre che tannini e steroli, elementi assenti nel classico basilico e rimpiazzati dalla clorofilla.

     

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.