Crea sito

Giornata nazionale delle chiacchere, cenci, frappe.

Oggi secondo il Calendario del cibo italiano è la giornata nazionale delle Chiacchere, cenci e frappe, ovvero i dolci fritti del Carnevale. Ambasciatrice della giornata la bravissima Cristina Simonelli del blog Cucina italiana e dintorni, che ci racconterà tutti i segreti e la storia di questi dolci presenti su tutte le tavole d’Italia.
Infatti non c’è famiglia che non prepari per il Carnevale almeno un dolcetto!
Chiacchere, cenci, frappe, bugie, crostoli e tanti altri sono tutti sinonimi dello stesso dolce semplicissimo, fritto e cosparso con qualcosa di dolce. Infatti non tutti mettono lo zucchero a velo, c’è chi mette il miele, chi la cioccolata, ma la sostanza non cambia.
E come ogni ricetta che si perde nella tradizione del territorio ogni famiglia ha la sua ricetta.

Io vi lascio la ricetta della mia famiglia e una versione vegan, cotta al forno, che è piaciuta moltissimo alle mie ragazze.

chiacchiere veganstyle

Frappe (a Modena le chiamiamo così)
500 g di farina
50 g di burro
2 uova
2 cucchiai di zucchero
50 ml di Sassolino
Buccia del limone grattugiato
Un pizzico di sale
Zucchero a velo q.b.
Olio di arachidi per friggere

Preparazione
Impastare tutti gli ingredienti e lasciare riposare 30 minuti.
Tirare la pasta molto sottile, a una altezza di circa 1-2 mm e ricavate strisce, losanghe nastri da intrecciare.
Scaldare l’olio e quando pronto friggere le frappe (essendo sottili faranno molto presto e quindi prestate attenzione a non dorarle troppo).
Disponetele su un piatto da portata e cospargetele con lo zucchero a velo.

Frappe Vegan
300 g di farina tipo 1
50 g di amido di mais (va bene anche la fecola di patate)
8 g di lievito per dolci
60 g di zucchero di canna
la scorza grattugiata di un limone bio
50 ml di olio di mais
30 ml di succo di mela
120 ml circa di latte di soia
Zucchero a velo per decorare

Preparazione
Mescolate in una ciotola capiente tutti gli ingredienti secchi, quindi farina, zucchero, lievito, amido e infine la buccia grattugiata del limone.
In un’altra ciotola mettete gli ingredienti liquidi, quindi olio, succo di mela e latte di soia (in alternativa potete usare il latte di riso o quello di avena).
Aggiungete agli ingredienti secchi quelli liquidi e mescolate per bene, fino a ottenete una palla morbida e liscia. Lasciate riposare il composto in frigorifero, coperto, per circa 30 minuti.
Dividete l’impasto in due parti (per praticità, per non avere una sfoglia molto grande) e sul tagliere iniziate a stendere il primo, avendo cura di mantenere l’altro sempre coperto, ma fuori da frigorifero. Cercate di stendere l’impasto sottile, circa 3 mm.
Tagliate con una rotella dei rettangoli e praticate un taglio anche nel centro per facilitare la cottura dei dolcetti.
Ponete le chiacchiere su una leccarda coperta con carta forno e cuocetele a 180°, forno statico, per circa 10 minuti. Sono pronte quando la superficie inizia a diventare dorata.
Decoratele con lo zucchero a velo.

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

4 Risposte a “Giornata nazionale delle chiacchere, cenci, frappe.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.