Crea sito

Erbazzone reggiano, ricetta tradizionale

L’erbazzone è una classica torta salata, ripiena di spinaci o bietole, tipica del Reggiano. Versatile, può accompagnare gli aperitivi, oppure fungere da goloso antipasto, da secondo piatto, da merenda. Nato povero ma – come spesso accade – divenuto icona gastronomica dei gourmet più incalliti, è gradito a tutti, grandi e piccini.

erbazzone reggiano

 

Ingredienti
Per il ripieno:
1,5 kg. di bietole o spinaci (già lessati)
80 g. lardo
60 g. burro
1 scalogno
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di prezzemolo tritato
100 g. Parmigiano-Reggiano grattugiato
1 uovo intero e 1 tuorlo
Noce moscata q.b.
Sale q.b.

Per la pasta:
300 g. farina tipo “0”
50 g. burro
1 noce di strutto
250 ml. di latte caldo
Sale q.b.

Per guarnire:
Lardo macinato q.b.

Preparazione
Lessate le bietole o gli spinaci (meglio se metà dell’uno e dell’altro) in acqua bollente; poi scolateli, strizzateli e lasciateli sgocciolare per mezza giornata.
In una padella antiaderente fate soffriggere il lardo, il burro, lo scalogno tritato fine e l’aglio pestato. Dopo pochi minuti mettete le bietole – ben tritate anch’esse – e fatele saltare in modo tale che perdano l’ultima acqua. Salate un poco e aromatizzate con noce moscata. Lasciate raffreddare il ripieno e, successivamente, unite il prezzemolo, il Parmigiano-Reggiano grattugiato e le uova. Mescolate tutto per bene.
Preparate la pasta amalgamando tutti gli ingredienti, versando lentamente il latte, fino a ottenere un impasto morbido ed elastico.
Dividete in due la pasta: una parte dovrà essere un po’ più abbondante dell’altra. Tirate la parte più abbondante a uno spessore di circa 3 mm. e, con essa, rivestite uno stampo ben oliato e le pareti.
Versate il ripieno nello stampo e livellatelo.
Stendete la seconda sfoglia sul ripieno. Bucherellate la superficie con una forchetta, sia prima che a metà cottura. Comprimete bene la pasta in prossimità dei bordi. Per guarnire mettere sulla superficie dei pezzetti di lardo macinato.
Cuocete in forno caldo a 220°  per circa 30 minuti.
Lasciate intiepidire prima di tagliare le fette e servite.
Il giorno dopo, appena riscaldato, sarà ancora più buono. Provare per credere.

Seguimi sulla mia pagina FB clicca QUI

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

4 Risposte a “Erbazzone reggiano, ricetta tradizionale”

  1. Amo le ricette tradizionali di casa, e vedere quanta differenza ci sia tra una famiglia e l’altra, pur mantenendo inalterata la sostanza del piatto. Nella tua famiglia lo strutto è andato sostituendosi col burro, nella mia – con generazioni di intolleranti ai latticini alle spalle – con l’olio.
    In ogni caso percepisco la consistenza croccante della pasta, che è la cosa che dell’erbazzone mi fa impazzire. Grazie per aver partecipato alla Giornata Nazionale!

    1. E’ stato un piacere poter contribuire alla riuscita della Giornata Nazionale dell’erbazzone. Per noi è un piatto speciale, che accompagna spesso i nostri pasti. Alla prossima.

  2. Ciao! ho avuto una visione con questa crosticina sul tuo erbazzone!
    La cosa di cospargere del lardo macinato sulla pasta mi è nuovo ma vedendo le foto posso dirtiche devo provarla!
    S’impara sempre qualcosa, sopratutto di chi come te, l’erbazzone lo fa da sempre.

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.