Bundt cake pere e zafferano

Adoro il Bundt cake pere e zafferano, nasconde sotto la sua superficie il colore del sole. Non a caso è il dolce che nei Paesi scandinavi viene servito per santa Lucia, quella che in quei posti viene chiamata la festa delle luci.
E’ il periodo dell’anno più buio, ma è anche il momento in cui le giornate iniziano di nuovo ad allungarsi per dare il saluto, dopo pochi mesi, alla primavera. In realtà sappiamo che il solstizio d’inverno (il giorno in cui il buoi è presente per una quantità di ore maggiore) cade il 21 dicembre, ma per tradizione, è sempre stata la notte di Santa Lucia quella considerata “la notte più lunga che ci sia”.
Se amate il bundt cake come me allora non potete perdervi la ricetta americana originale. Non preparerete altro per la vostra colazione.

bundt-cake-pere-e-zafferano
  • DifficoltàFacile
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura45 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaSvedese

Ingredienti per la bundt cake pere e zafferano

300 g farina 00
325 g zucchero
4 uova
2 pere Williams (mature)
100 ml latte intero
50 g burro (più un pochino per ungere lo stampo)
50 g yogurt greco
1 cucchiaio succo di limone
1 bustina zafferano
1 cucchiaino estratto di vaniglia
2 cucchiaini lievito in polvere per dolci
2 cucchiai pangrattato
q.b. zucchero a velo (per decorare)

Strumenti

Per realizzare questo dolce vi serve lo stampo da Bundt cake, tipico di questo tipo di torte. E’ molto scenografico e renderete i vostri dolci meravigliosi.

Preparazione della bundt cake pere e zafferano

Accendete il forno a 170°. Imburrate per bene il vostro stampo e mettete il pangrattato roteando per bene per farlo aderire. Mettetelo da parte.

Sbucciate le pere, eliminate il torsolo e tagliatele a cubetti di circa un centimetro. Versate sopra il succo di limone e mescolate delicatamente. Mi raccomando utilizzate delle pere ben mature, in questo modo saranno dolci e morbide dopo la cottura.

Fondete il burro in un pentolino a fiamma bassa. Stemperate lo zafferano nel latte, mescolate per bene ed aggiungetelo al burro fuso che nel frattempo avete tolto dal fuoco. Aggiungete l’estratto di vaniglia.

Mettete in una ciotola lo zucchero e le uova e con l’aiuto delle fruste elettriche montate fino a ottenere un composto gonfio e spumoso.
In un’altra ciotola mescolate insieme la farina e il lievito.

Continuando ad usare le fruste elettriche aggiungete un terzo della farina, un terzo del composto di latte e burro e tutto lo yogurt. Mescolate con cura quindi aggiungete ancora una parte di farina e di latte. Mescolate e aggiungete la terza parte degli ingredienti.

Versate il composto nello stampo precedentemente imburrato. Cospargete la superficie con le pere tagliate a cubetti, affonderanno durante la cottura.
Cuocete per circa 35 minuti, fate la prova dello stecchino che deve uscire ben pulito.

Una volta cotta lasciate raffreddare la bundt cake pere e zafferano per 30-40 minuti prima di girarla sul piatto da portata e togliere lo stampo.
Al momento di servirla cospargetela di zucchero a velo.

bundt-cake-pere-e-zafferano

Festa di Santa Lucia: una tipica tradizione svedese

La festa di Santa Lucia è una tradizione svedese veramente particolare. Il 13 dicembre in Svezia si festeggia il Luciadagen. 
Per gli svedesi questa non è che un’altra ottima occasione per fare festa, accendendo delle candele che, con la loro luce, aiutano a combattere l’oscurità delle corte giornate invernali.
Il Luciadag è anche e il giorno in cui si può cominciare a gustare i Lussekatter, altresì conosciuti come lussebullar.  Sono brioches allo zafferano e sono dei dolci tipici del periodo natalizio.
Come molti di voi già sapranno, Santa Lucia è originaria di Siracusa. Ma quando, come e perché questa tradizione tipica Siciliana è arrivata in Svezia?
Sembra che nel settecento alcune famiglie aristocratiche svedesi abbiano introdotto questa tradizione, secondo la quale, la mattina del 13 dicembre, la figlia maggiore dovesse vestire i panni di Lucia e servire la colazione a letto ai propri genitori.
Due secoli più tardi, nel 1927, un quotidiano di Stoccolma lancia il primo concorso tra i propri lettori per votare la Lucia più bella. Nasce così la tradizionale festa di Santa Lucia svedese come la conosciamo oggi.
Ogni anno infatti viene incoronata una Lucia in ogni città. Le candidate sono giovani ragazze o bambine (ma potrebbero anche essere ragazzi o bambini). Requisito fondamentale è il saper cantare, poiché dovranno esibirsi nelle piazze della città, nei teatri, ospedali e luoghi pubblici e privati di lavoro.
Le loro foto vengono pubblicate sui quotidiani e TV locali. E’ il pubblico che sceglie la Lucia. Le altre candidate diventano le sue damigelle e paggetti.

Ed è così che ogni anno, durante la settimana che porta al 13 dicembre, in diversi luoghi della città potrete assistere alla processione di “Sankta Lucia”. Vedrete una bambina o ragazza, con una corona di candele in testa che impersona Lucia. E’ scortata da damigelle e paggetti vestiti in abito bianco, legato in vita da una fascia rossa. In coro cantano canzoni natalizie e portano luce e dolci allo zafferano nelle case e loghi di lavoro.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.