Crea sito

Torta Pasqualina di 16 sfoglie ….con sorpresa !

Torta Pasqualina di 16 sfoglie

Torta Pasqualina di 16 sfoglie con: spinaci, rucola, erbette e ricotta 

La Torta Pasqualina è una torta salata rustica e saporita, tipica della cucina ligure che si prepara nel periodo di Pasqua !

Viene realizzata con sfoglie sottili simili ad un brisé a base di farina, acqua e olio; che racchiudono un ripieno di crema di bietole o spinaci, erbette, ricotta, formaggio e uova intere aggiunte direttamente nella farcia cremosa che, una volta cotta in forno, diventano sode e perfettamente visibili al taglio quando si affetta torta ! Creando un vero e proprio effetto sorpresa !…ma le sorprese non finiscono qui, vi dico subito che dovrete procurarvi una cannuccia per bibite.

Una golosità unica, coreografica, che ha origine antichissime ! La Torta Pasqualina sembra risalire al 1400, dove a Genova, secondo tradizione, le donne tiravano ben 33 sfoglie ! Numero pari agli anni di Cristo; che assemblavano una sull’altra con tanta pazienza, prima di aggiungere il ripieno ! (v.qui), con il tempo il numero di sfoglie è andato diminuendo, le uova sono il simbolo della rinascita.

 

Torta Pasqualina di 16 sfoglie
  • Difficoltà:
    Media
  • Cottura:
    1 ora
  • Porzioni:
    10-12 persone

Ingredienti

Per la PASTA della Torta Pasqualina di 16 sfoglie

  • Farina (possibilmente con forza intorno ai 280W) 600 g
  • Acqua (tiepida) 1,5 g
  • Olio extravergine d’oliva (circa 160 g) 6 cucchiai
  • Sale (circa 6 g) q.b.

Per il RIPIENO della Torta Pasqualina di 16 sfoglie

  • Spinaci (lessati e strizzati) 300 g
  • Erbette (lessate: cicoria, bietole, maggiorana, timo) 300 g
  • Maggiorana 1 cucchiaio
  • Rucola (cruda) 1 mazzetto
  • cipollina (fresca affettata sottilmente) 1
  • Scalogno 1
  • Burro 50 g
  • Pancarrè (tritato) 40 g
  • Uova (medie) 6
  • Ricotta (o cagliata o primo sale o osella morbida) 400 g
  • Parmigiano reggiano (grattato) 8 cucchiai
  • panna 3-4 cucchiai
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Cannucce (per bibite) 2

Preparazione

– Per la PASTA

  1. Torta Pasqualina di 16 sfoglie

    Mescolate bene tutti gli ingredienti della pasta (a mano o nella planetaria con la frusta a foglia), versando l’acqua piano per regolarsi con la consistenza (secondo quanto ne assorbe la farina) fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

     

     

  2. E’ molto importante che l’impasto riposi almeno 30 minuti, coperto da una pentola bollente, per consentire alla pasta di sviluppare il glutine ed acquisire elasticità, visto che dovrà essere tirata sottilmente.

  3. Ponete l’impasto riposato su di una spianatoia infarinata e tagliate 16 pezzi (da circa 120 g l’uno), stendeteli con il mattarello molto sottilmente, le prime 5 sfoglie dovranno avere un diametro leggermente maggiore delle  altr e fuoriuscire di qualche centimetro dal bordo dello stampo.

– Per il Ripieno

  1. Tritate il pancarrè oppure se utilizzate mollica di pane, ponetela prima a bagno in un poco di latte e poi strizzatela.

  2. Fate appassire nel burro una cipolla piccola e uno scalogno, aggiungere le verdure (tranne la rucola) lessate (per circa 10 minuti in acqua bollente salata) strizzate e sminuzzate, la mollica di pane e due cucchiai di parmigiano grattato.

  3. Togliete la padella dal fuoco ed aggiungete il pepe, la maggiorana, la panna, 2 uova intere, il sale, la rucola cruda spezzetata e altri 4 cucchiai di grana.

– Per l’Assemblaggio

  1. Ungere uno stampo a cerniera da 24 cm di diametro e rivestirlo con una prima sfoglia di pasta.

    Ungere la sfoglia di olio (evitando i bordi) e ripetere quest’operazione per 7 volte (sovrapponendo le sfoglie una sull’altra).

  2. Sull’ottava sfoglia, porre le verdure ed il formaggio stemperato. Poi fare 4 fossette e mettere in ognuna un uovo crudo sgusciato, condire ogni uovo con un pò di pepe, fiocchetti di burro, sale ed i restanti 2 cucchiai di parmigiano.

  3. Sovrapponete al ripieno le altre 8 sfoglie, con lo stesso sistema di prima: ungendole una ad una.

  4. Prendete una (anche due) cannuccia per bibite, ponetela al di sotto delle ultime tre sfoglie e …SOFFIATE aria !! appena  vedete che la superficie si solleverà, togliete subito la cannuccia e chiudete il foro, unendo tutte le sfoglie tra loro e chiudere il bordo con un cordoncino di pasta.

     

  5. Torta Pasqualina di 16 sfoglie

    Pizzicate il cordoncino di pasta tra pollice e indice per dare una forma ondulata al bordo e spennellate la superficie con un uovo sbattuto.

  6. Torta Pasqualina di 16 sfoglie

    Infornate la torta Pasqualina in forno pre-riscaldato a 180° C per circa un’ora.

  7. Torta Pasqualina di 16 sfoglie

    La torta Pasqualina è buona servita tiepida, ma anche fredda, ideale quindi per la scampagnata di Pasquetta o per la colazione di Pasqua o per un brunch pasquale.

     

Note e Consigli

Se volete arricchire il menù di Pasqua con altre ricette dolci e/o salate, vi consiglio di guardare il mio “Speciale Pasqua“.

Ringrazio CucinAmica per la bellissima ricetta, le fotografie sono tutte scattate da me durante il corso di cucina.

Questa torta rustica deve essere preparata il giorno stesso che si intende consumarla, solo le verdure possono essere lessate il giorno prima.

Idea furba: potete preparare la doppia dose di impasto e con la metà di esso preparare un goloso strudel.

Naturalmente la torta Pasqualina può essere arricchita anche da carciofi stufati e tagliati a lamelle, noci, pinoli ecc., secondo il vostro gusto.

Pubblicato da lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.