Crea sito

Torta di mele allo sciroppo d’acero

Torta di mele allo sciroppo d'acero

Torta di mele allo sciroppo d’acero.
La ricetta di questa torta di mele, è del grande Yotam OTTOLENGHI, perfetta nelle dosi e nella riuscita. La torta è buonissima anche senza glassa, ma nel locale di Ottolenghi va a ruba proprio grazie a questa golosissima glassa allo sciroppo d’acero.
Provate questa glassa e non la lascerete più, anche per farcire altri dolci, ad esempio è perfetta per angel e chiffon cake !

Torta di mele allo sciroppo d'acero
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura55 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la Torta di Mele

  • 350 gfarina 00
  • 225 gacqua
  • 100 guvetta
  • 2 cucchiainicannella in polvere (6g)
  • 1 cucchiainobicarbonato (5g)
  • 1 cucchiainolievito chimico in polvere (5g)
  • 1/2 cucchiainosale fino (2g)
  • 3mele Granny Smith (o Golden, 800 g circa )
  • 200 gzucchero
  • 150 mlolio di oliva
  • 2uova (grandi)
  • 2albumi
  • 50 mlrum
  • 1 cucchiaioestratto di vaniglia
  • 1 cucchiainoscorza di limone (grattata)

Ingredienti per la GLASSA allo Sciroppo d’acero

  • 100 gburro (non salato, a temperatura ambiente)
  • 100 gzucchero grezzo (chiaro)
  • 85 gsciroppo di acero
  • 220 gformaggio cremoso (tipo philadelphia, a temperatura ambiente)

Strumenti

  • Teglia
  • Pentolino
  • Setaccio
  • Levatorsoli
  • Pelapatate
  • Ciotola
  • Frusta elettrica
  • Robot da cucina
  • Coltello
  • Spatola

Preparazione per la Torta di mele allo sciroppo d’acero

  1. Torta di mele allo sciroppo d'acero

    Preriscaldate il forno a 160°. Ungete con il burro una teglia tonda da 20-23 cm di diametro e foderatela con carta forno

  2. Mettete l’uva sultanina in un pentolino con 150 ml di acqua (dei totali 225 ml) e 50 g di rum.

  3. Fate bollire l’uvetta sul fuoco finchè i liquidi non vengono tutti assorbiti e poi lasciate raffreddare da parte.

  4. Setacciate la farina, la cannella, il bicarbonato, il lievito ed il sale in una ciotola e mettete da parte.

  5. Pelate le mele, privatele del torsolo, tagliatele a dadini di 2-3 cm e mettetele da parte in un’altra ciotola.

  6. Mettete lo zucchero, l’olio d’oliva, le uova intere, la vaniglia e la scorza di limone nella planetaria con la frusta a filo (ma potete utilizzare anche le fruste elettriche).

  7. Mescolate a velocità media per circa 8 minuti, fino a quando il composto raddoppia di dimensione e diventa chiaro.

  8. Non aumentate la velocità delle fruste perchè si verrebbero a creare bolle d’aria indesiderate.

  9. Unite al composto di uova, le mele a dadini, l’uvetta sultanina e i restanti 75 ml di acqua; aggiungete anche la farina con gli altri ingredienti ed amalgamatela a mano delicatamente

  10. Mettete in una ciotola pulita gli albumi e sbatteteli fino a quando montano, ma restano soffici; aggiungeteli al resto del composto delicatamente, dal basso verso l’alto.

  11. Versate tutto nella teglia, livellate la superficie con una spatola e fate cuocere per circa 55 minuti. Sfornate e lasciate raffredddare la torta.

  12. Mentre la torta raffredda preparate la GLASSA: mettete in un robot da cucina il burro a temperatura ambiente, lo zucchero di canna chiaro e lo sciroppo d’acero e mescolate fino ad avere un composto leggero ed arioso, quindi aggiungete il formaggio a temperatura ambiente un quarto alla volta.

  13. Continuate a mescolare la glassa per circa 2 minuti, finchè non diventa densa ed uniforme.

  14. Torta di mele allo sciroppo d'acero

    Quando la torta è completamente fredda, dividetela in due e farcitela con metà glassa, ricoprite con lo strato superiore e spalmatelo tutto con la restante glassa. Decorate a piacere la superficie.

L’olio di oliva conferisce alla torta umidità ed infatti potete conservarla in frigo (senza glassa) fino ad una settimana.Quando è il momento di servirla, riportatela a temperatura ambiente e glassatela.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.