Polpette di carne morbidissime alla corradina

Polpette di carne morbidissime alla corradina

Queste deliziose polpette di carne morbidissime “alla corradina” rientrano tra le antiche ricette della cucina nobile napoletana del ‘700.

La ricetta, infatti è del Vincenzo Corrado, autore di un ricettario ancora oggi attualissimo, il Cuoco Galante, soprannome dovuto al fatto che, intorno al 1750 serviva le tavole aristocratiche del regno, dominate da più di un secolo dai Monsù, i cuochi francesi voluti a corte dalla regina Maria Carolina, sorella di Maria Antonietta di Francia.

Monsù fu un appellativo, derivante dal francese “Monsieur” ovvero Signore (a Napoli e dintorni, erano invece detti Monzù), il titolo di Monsù si dava ai cuochi di casata, cioè a coloro che avevano il privilegio di servire in case patrizie.

Le ricette del Corrado partono sempre dalla cucina tradizionale napoletana ma vengono arricchite – senza rinnegarne le origini – dalla cucina francese dei Monsù.

polpette di carne morbidissime
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    20 minuti

Ingredienti

  • carne di vitello (macinata 2 volte) 200 g
  • Ricotta 100 g
  • Parmigiano grattato 50 g
  • Tuorli 2
  • Pancarrè setacciato (senza crosta) 3-4 fette
  • Prezzemolo (tritato) 1 cucchiaino
  • Marsala (o vino bianco) 1/2 bicchiere
  • sale, pepe q.b.
  • Noce moscata (facoltativo) q.b.
  • Burro (possibilmente chiarificato, per friggere le polpette) q.b.
  • Farina (per infarinare le polpette) q.b.

Preparazione

  1. polpette di carne morbidissime

    Mescolare tutti gli ingredienti nel robot da cucina.

    Se il composto dovesse risultare troppo morbido, aggiungere un poco di pancarrè setacciato.

     

  2. Formare delle palline ovali e passarle nella farina.

    Prendere una padella antiaderente e fare riscaldare il burro chiarificato a fuoco dolce, aggiungere le polpette (setacciate dalla farina in eccesso) e fare rosolare da un lato, piano piano sfumando con il Marsala (o vino bianco)

    Rivoltare dall’altro lato con delicatezza e solo quando hanno formato una crosticina sul lato opposto.

    Servire queste polpette di carne morbidissime con il loro delizoso sughetto.

  3. Il burro già chiarificato si trova facilmente al supermercato.

    Ad ogni modo, si può tranquillamente preparare in casa, seguendo questo procedimento che è spiegato molto bene QUI .

Note e Consigli

Se ami le ricette dell’antica cucina napoletana, visita la Sezione del mio Blog dedicata alle migliori ricette napoletane sperimentate da me e spiegate passo dopo passo, cliccando QUI sul link azzurro: “CUCINA NAPOLETANA DOC“, ad esempio – tra le tante ricette – potrebbe forse interessarti questa buonissima “Pizza di scarola ! ricetta tipica napoletana” (ricetta antica di mia nonna).

Ringrazio Cucina Amica per la ricetta, le foto sono state tutte scattate da me durante il bellissimo corso di Cucina Napoletana del ‘700.

CUCINA NAPOLETANA DOC, Ricette AUTUNNALI/Invernali, Ricette STELLATE, SECONDI, Secondi di carne, Vincenzo Corrado

Informazioni su lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Precedente Crostata meringata al limone con lemon curd Successivo Spaghetti sandwich estivo. Ricetta facile.

2 commenti su “Polpette di carne morbidissime alla corradina

  1. Anonimo il said:

    Io sono siciliana e sento molto affine , quasi familiare , la cucina napoletana : d’altra parte il nostro era il “Regno delle due Sicilie” no? Abbiamo radici che ci uniscono e spesso condividiamo le stesse tradizioni , quindi ancora di più mi è gradito il regalo che fai ,a me come a tutti quelli che seguono questo blog, della condivisione di questo tuo tesoro . Grazie!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.