Pandorlato pasquale, spiegato passo passo.

Pandorlato pasquale

Pandorlato pasquale, un dolce lievitato golosissimo, che ha un sapore misto tra un babà e la colomba, profumato di mandorle, non deve assolutamente mancare sulle tavole pasquali.
E’un dolce lievitato pasquale, molto più facile della colomba, ma fa ugualmente la sua figura in tavola.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo9 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni6-8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per il Pandorlato pasquale

  • 280 gfarina Manitoba (o con W 350)
  • 80 glatte intero
  • 90 gzucchero
  • 110 gburro (di qualità)
  • 180 guova intere (circa 3)
  • 8 glievito di birra fresco
  • 5 gsale
  • 1scorza d’arancia
  • 2 cucchiaicointreau
  • 1 cucchiainomiele di acacia
  • q.b.granella di zucchero
  • q.b.zucchero a velo
  • 100 gmandorle (con la pelle)

Strumenti

  • Ciotola
  • Planetaria
  • Impastatrice
  • Pennello

Preparazione del Pandorlato pasquale

  1. Vi consiglio di iniziare la preparazione del pandorlato, la mattina presto (verso le 8:00).

  2. Innanzitutto, mescoliamo il latte intiepidito con il lievito, il miele e 70gr di farina, copriamo per mezz’ora (deve gonfiare).

  3. Poi uniamo gli albumi, il resto della farina e mescoliamo, con la foglia, a velocità 1 (ken). Uniamo il sale, il liquore e portiamo lentamente a vel. 2, incordiamo (ci vorranno 5 – 10 minuti).

    “Incordare”, vuol dire che tutto l’impasto deve attaccarsi in un sol pezzo alla foglia e staccarsi dalle pareti della ciotola.

  4. Riduciamo a vel. 1,5 ed uniamo un tuorlo, alla ripresa dell’incordatura aggiungiamo un altro tuorlo e metà dello zucchero, riprendiamo l’incordatura ed uniamo l’ultimo tuorlo con tutto lo zucchero, incordiamo di nuovo.

  5. Cambiare la foglia e mettere la frusta a gancio ed uniamo, un cucchiaino alla volta, 40gr di burro fuso freddo, portiamo a veloocità 1,5, incordiamo ed aggiungiamo il burro rimanente morbido a pezzetti, insieme alla buccia di arancia, incordiamo di nuovo.

    Dovrà presentarsi lucido e ben legato e fare il velo come in foto.

  6. Se faticate ad incordare, alla fine, dopo il burro morbido, potete aggiungere 15 gr di farina (non di più).

  7. Poniamo l’impasto in un recipiente da frigo, sigilliamo e, dopo 40/50 minuti (per assicurarsi che parta la lievitazione), poniamo in frigo in una zona sui 6 – 7°per circa 6/8 ore.

  8. Tiriamo fuori dal frigo e, dopo 30′ minuti, rovesciamo sul tavolo infarinato e diamo le pieghe del tipo 2, (il secondo esempio della spiegazione, quello con il panetto tondo) dovremo ottenere una massa compatta.

  9. Con la chiusura sotto arrotondiamo delicatamente l’impasto e trasferiamolo in uno stampo cilindrico da 750 gr. 16×11 cm. Copriamo con pellicola e poniamo in forno spento, lampadina accesa fino a che non arriva ad un dito e mezzo sotto il bordo dello stampo (ci vorranno circa 3 ore).

  10. Una volta lievitato, pennelliamo delicatamente con albume leggermente battuto e spolveriamo prima con zucchero a granella, poi decoriamo delicatamente con le mandorle a piacere, infine spolveriamo con zucchero a velo.

  11. Quando quest’ultimo sarà assorbito spolveriamo ancora con zucchero a velo, e inforniamo a 180° per circa 30 minuti, su placca del forno, posizionata su grata bassa, perchè cresce molto.

  12. Controlliamo di frequente che lo zucchero non bruci, casomai copriamo con carta stagnola. Sforniamo e poniamo su una gratella fino al raffreddamento.

Note e Consigli

Il pandorlato, può essere preparato anche qualche giorno prima, perchè si conserva morbido per più giorni.

Volendo, potete sostituire le mandorle della copertura, con amaretti sbriciolati ed il liquore con amaretto di saronno al posto del Cointreau.

La ricetta è della bravissima Paoletta Sersante (specializzata in lievitati dolci e salati) ed è tratta dal suo Blog, Anice e Cannella

Consigli per gli Acquisti

Per cuocere il pandorlato ho utilizzato uno stampo cilindrico in alluminio che trovate su qui su Amazon .#adv

Per impastare alla perfezione questo dolce lievitato, ho utilizzato la mia planetaria Kenwood KCC9060S Cooking Chef Gourmet, 1500 W, con ciotola da 6.7 Litri, fedele alleata in cucina per : impastare, montare, cuocere, tritare, sminuzzare, cuocere a vapore e anche friggere.

Trovi questa planetaria su Amazon ad un prezzo speciale, non te ne pentirai, clicca QUI !

Se invece, cerchi un modello di planetaria più economico e non ti intereressa che frigga anche (come il modello Gourmet di cui sopra), puoi tranquillamente scegliere di acquistare il modello base Cooking Chef con potenza 1500 W e ciotola grande da 6.7 litri, che ha le stesse funzione del Gourmet : impasta, frulla, grattugia, trita e cuoce (eccetto la frittura) ad un prezzo nettamente inferiore, per acquistare clicca QUI.

Seguimi anche su i miei profili Social, per non perdere nessuna ricetta !: 

Facebook 

Pinterest

Instagram

Twitter

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.