Crea sito

Il Tortano napoletano, passo dopo passo. Ricetta originale

tortano napoletano

Tortano napoletano
Una meravigliosa ricetta del tortano napoletano.
La differenza tra casatiello e tortano consiste nel fatto che, in quest’utimo, non ci sono le uova crude con il guscio, poste all’esterno dell’impasto, ma solo all’interno dell’impasto: sode, tagliate a pezzetti insieme a tutto il ripieno.
Nel casatiello, invece le uova si inseriscono – con tutto il guscio – all’esterno (ponendo le uova all’interno di nicchie nell’impasto racchiuse in strisce di pasta posizionate a croce sulle stesse uova) .

tortano napoletano
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo6 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per il tortano napoletano

  • 600 gFarina Manitoba
  • 150 mlLatte
  • 150 mlAcqua
  • 25 gLievito di birra fresco
  • 200 gStrutto (+ 25/40 g per stendere)
  • 14 gSale fino
  • 15 gZucchero
  • 80 gParmigiano Reggiano DOP (e/o pecorino grattato)
  • q.b.Pepe nero

Ingredienti per il ripieno del tortano

  • 100 gSalame napoletano (a dadini)
  • 100 gMortadella (o cicoli, a dadini)
  • 150 gProvolone (semipiccante a dadini)
  • q.b.Pepe nero

Strumenti

  • Ciotola
  • Planetaria
  • Stampo

Preparazione

  1. tortano napoletano

    Sciogliere in una ciotola, il lievito di birra in 150 g di acqua e 150 g di latte tiepidi.

  2. Aggiungere lo zucchero e la farina e lavorare l’impasto nella planetaria con la frusta a foglia per 30 minuti circa.

  3. Poi aggiungere il sale all’impasto e, dopo che incorda in un sol pezzo, aggiungere 200 g di sugna – poco per volta – e lavorare per almeno altri 10 minuti con il gancio.

  4. Fare un taglio a croce e fare lievitare per circa 3 ore.

  5. tortano napoletano

    Trascorso il tempo di lievitazione, con le mani unte di sugna, stendete l’impasto (NO mattarello), spalmare di sugna e disporvi il ripieno: parmigiano, salumi, formaggi e pepe.

     

  6. P.S.: Quando inserisco nell’impasto il ripieno, lo prendo con le mani unte di sugna, per insaporirlo.

  7. Avvolgete l’impasto del tortano su sè stesso a salsiciotto e ad ogni spira, ungere di sugna (poco).

  8. Disporre l’impasto delicatamente nello stampo unto di sugna, ungere di sugna anche la superficie. Fare lievitare circa 3 ore fino a quando raggiunge la superficie dello stampo.

  9. Cuocere il tortano, in forno a 180°, infornare però quando NON ha ancora raggiunto i 180° (il tortano napoletano deve cuocere lentamente) per circa un’ora.

  10. tortano napoletano

    IL TORTANO NAPOLETANO È PIÙ BUONO SE RIPOSA UN GIORNO E SI CONSERVA BENE PER 3-4 GIORNI, RICOPERTO DA PELLICOLA ALIMENTARE.

Consigli per gli Acquisti !!!

Per impastare alla perfezione ed incordare i lievitati, utilizzo la mia planetaria Kenwood KCC9060S Cooking Chef Gourmet, 1500 W, con ciotola da 6.7 Litri, fedele alleata in cucina per : impastare, montare, cuocere, tritare, sminuzzare, cuocere a vapore e anche friggere.

Trovi questa planetaria su Amazon ad un prezzo speciale, clicca QUI !

Se invece, cerchi un modello di planetaria più economico e non ti intereressa che frigga anche (come il modello Gourmet di cui sopra), puoi tranquillamente scegliere di acquistare il modello base Cooking Chef con potenza 1500 W e ciotola grande da 6.7 litri, che ha le stesse funzione del Gourmet : impasta, frulla, grattugia, trita e cuoce (eccetto la frittura) ad un prezzo nettamente inferiore, per acquistare clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.