Crea sito

Frittelle dolci con provola affumicata. Antica ricetta napoletana

Frittelle dolci con provola

Frittelle dolci con provola dura affumicata


SI avete letto bene: Frittelle dolci con provola affumicata (grattugiata) un accostamento di sapori insolito ma gustosissimo, che proviene da un’antica ricetta custodita da una nobile famiglia napoletana e scoperta da Franco Santasilia di Torpino nel suo libro “La Cucina Aristocratica napoletana” (la cucina dei Monzù, per intenderci).


Queste sono vere e proprie frittelline dolci e zuccherose (ricordano un po’le castagnole), con un retrogusto di provola affumicata che le rende meno stucchevoli e originali, stupirete tutti i vostri ospiti !


Ideali per Pasquetta o Carnevale.
  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Porzioni 6
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 250 gFarina 00
  • 250 gZucchero
  • 250 gProvola affumicata (DURA)
  • 2Uova (intere)
  • 2Tuorli
  • 1 pizzicoSale
  • q.b.Zucchero (semolato per guarnire)
  • q.b.Zucchero a velo (vanigliato per guarnire)
  • q.b.Olio di oliva (abbondante per friggere)

Strumenti

  • Ciotola
  • Frullatore / Mixer
  • Frusta elettrica
  • Casseruola dai bordi alti

Preparazione

  1. E’importante che la provola affumicata sia a pasta dura, perchè altrimenti l’impasto risulta morbido e perchè si deve tritare fine nel mixer.  

  2. Quindi tritate finemente nel mixer la provola dura affumicata (v.foto sopra).

  3. Prendete le uova (2 intere + 2 tuorli) e montatele con la frusta insieme allo zucchero e un pizzico di sale per circa 10 minuti.

  4. Aggiungete alle uova montate, la farina e la provola tritata e continuate a lavorare l’impasto per altri 10 minuti.

  5. La consistenza finale non dovrà essere appiccicosa, perchè poi dovrete ricavarne delle formine (v.foto sopra), nel caso aggiungete un po’ di farina e zucchero, in proporzioni uguali.

  6. Stendete l’impasto con le mani su una spianatoia e ricavatene delle piccole frittelle tonde (non fatele tanto sottili, altrimenti risulteranno secche).

  7. Prendete una pentola a bordi alti, riempitela con abbondante olio (le frittelle devono galleggiare) e portatelo a circa 170° C (se non utilizzate il termometro, vi accorgerete che l’olio ha raggiunto la temperatura giusta se, buttando dentro una pallina piccola di impasto sale subito a galla).

  8. Friggete 3 o 4 frittelle alla volta e friggete mantenendo la temperatura sempre intorno ai 170- 175° C (vale la pena comprare il termometro, oggi in commercio ne esistono di economici, io mi trovo bene con quello a filo lungo, così lo lascio sempre dentro e ho le mani libere) non portate mai la temperatura dell’olio oltre i 185°C.

  9. Le frittelle saranno pronte quando saranno dorate da entrambi i lati. Man mano che friggete, passatele – ancora calde – in un mix di zucchero semolato e a velo vanigliato.  

  10. Servite queste frittelle dolci con provola ben calde, nel caso in cui invece doveste servirle molto tempo dopo averle fritte, pre-riscaldate il forno a 200 e lasciatele per circa 4-5 minuti nel forno.

Note e Consigli

Per la frittura, vi potrà essere utile quest’articolo : “Dolci di Carnevale: i consigli per fritti a regola d’arte”

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.