Crostata morbida all’uva (leggermente caramellata)

Crostata morbida all'uva

Crostata morbida all’uva Era da tempo che volevo provare la ricetta “vintage” di questa crostata morbida all’uva, l’ho trovata in un quaderno di ricette raccolte da mia madre, credo che sia de “La Cucina Italiana” anni’60, è veramente buonissima ed in cottura si forma una leggera salsina caramellata per effetto del rilascio di liquido della frutta a contatto con il burro e lo zucchero (io ho utilizzato quello di canna). La ricetta, inizialmente, spiega che : “…..questo dolce, di origina americana, è di facilissima preparazione e di sicura riuscita….” infatti, io ho preparato la crostata in meno di 15 minuti, più la cottura. Vi assicuro che questa crostatina morbida ha veramente un sapore delizioso ed autunnale. Se vuoi provare altre torte facili e veloci, cerca nella categoria del mio Blog dedicata ai “Dolci FACILI“.

Crostata morbida all'uva
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni2-3 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaInternazionale

Ingredienti

– per la Crostata morbida all’uva

  • 200 gFarina 00
  • 100 gBurro (per la pasta frolla)
  • 100 gZucchero (semolato)
  • 1Uovo (intero)
  • 1 gScorza di limone
  • 1 pizzicoSale
  • 1 cucchiainoEstratto di vaniglia
  • q.b.Zucchero a velo vanigliato (per decorare)

– per la Copertura

  • 150 gUva bianca (io ho utilizzato la vittoria)
  • 45 gBurro (fuso)
  • 50 gZucchero di canna (io Demerara)

Strumenti

  • Ciotola
  • Planetaria
  • Pentolino
  • Mattarello
  • Carta forno
  • Stampo

Preparazione

  1. Lavorate 200 g di farina con 100 g di burro e 100 g di zucchero semolato e lavorate con la frusta a foglia pochi minuti per rende il composto un briciolame.  

  2. Aggiungete all’impasto un uovo intero, la scorza grattata di un limone e un cucchiaino di estratto di vaniglia (o vanillina) e lavorate non troppo a lungo, giusto il tempo per ottenere un impasto liscio e compatto.

  3. Ponete l’impasto in un luogo fresco per una decina di minuti. Prendete una teglia di circa 20 cm di diametro ed ungetela di burro (io ho utilizzato della carta forno).

  4. Trascorso il tempo indicato, prendete l’impasto e stendetelo su di un foglio di carta forno leggermente infarinato. Spianate l’impasto con il mattarello ad uno spessore medio (nè troppo sottilmente, nè troppo doppio. Adagiate la pasta frolla nella teglia e punzecchiate qua e là in superficie.

  5. Tagliate l’uva in due parti e privatela dei semini. Ricoprite l’impasto con i chicchi di uva divisi in due, con la parte tagliata rivolta verso il basso.

  6. A parte, fate sciogliere a calore moderato un po’di burro (40-45 g circa) e versatelo omogeneamente su tutta la superficie della torta insieme ad abbondante zucchero, circa 50 g (io ho utilizzato lo zucchero di canna Demerara, MA potete utilizzare qualsiasi tipo di zucchero, tranne quello a velo).

  7. Ponete la teglia in forno a 180° per circa 40-50 minuti (date il tempo allo zucchero di caramellare bene) . Sformate la crostata quando sarà fredda.

  8. Ponete la crostata su di un piatto da portata e cospargetela per bene di abbondante zucchero a velo, per decorare.

  9. Potete preparare questa crostata morbida all’uva anche in versione totalmente integrale e potete sostituire tranquillamente l’uva con diversa frutta fresca (fichi, pesche, lamponi, fragole, pere, mele) seguendo la stagione ed il gusto dei commensali.

  10. Un’idea carina per un brunch potrebbe essere quella di raddoppiare o triplicare le dosi e preparare più crostatite colorate con frutta diversa.

Note e Consigli

Per la preparazione di questa ricetta, ho utilizzato l’uva del tipo “Vittoria” , con grandi acini tondi e polpa succosa (v.qui).

Consigli per gli Acquisti !!!

Per preparare la pasta frolla, ho utilizzato la mia planetaria Kenwood KCC9060S Cooking Chef Gourmet, 1500 W, con ciotola da 6.7 Litri, fedele alleata in cucina per : impastare, montare, cuocere, tritare, sminuzzare, cuocere a vapore e anche friggere. Trovi questa planetaria su Amazon ad un prezzo speciale, clicca QUI !

Se invece, cerchi un modello di planetaria più economico e non ti intereressa che frigga anche (come il modello Gourmet di cui sopra), puoi tranquillamente scegliere di acquistare il modello base Cooking Chef con potenza 1500 W e ciotola grande da 6.7 litri, che ha le stesse funzione del Gourmet : impasta, frulla, grattugia, trita e cuoce (eccetto la frittura) ad un prezzo nettamente inferiore, per acquistare clicca QUI. #adv

Per fondere il burro, ho utilizzato questo pentolino dal doppio fondo in alluminio ad alto spessore, racchiuso tra due strati di acciaio. Lo strato di alluminio permette al calore di diffondersi in maniera uniforme su tutto il fondo. #adv

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.