Crea sito

Crostata agli amaretti

Crostata agli amaretti

La crostata agli amaretti è un dolce dal profumo irresistibile e dal sapore unico, per questo quando, quest’estate, l’ho assaggiata per la prima volta a Procida, ho “estorto” la ricetta di famiglia ad una gentile signora del posto.

E’uno di quei dolci che si prepara velocemente (se lo preparate il giorno prima di servire è ancora meglio, perchè i sapori si fondono) bello da vedere esteticamente, adattissimo per la colazione o il tè, ma fa la sua figura anche in occasioni conviviali con amici/parenti e vi assicuro che vi chiederanno il bis e finirà in un baleno !!!

 

Crostata agli amaretti
  • Preparazione: 1 Ora
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

Per la Pasta frolla

  • Farina 300 g
  • burro o margarina 120 g
  • Zucchero a velo 150 g
  • Uova intere (o 1 uovo intero e 1 tuorlo , dipende lalla grandezza delle uova) 2
  • Lievito chimico in polvere 1/2 cucchiaino
  • Estratto di vaniglia 1 cucchiaino
  • Amaretto (liquore) 1 cucchiaio
  • Sale 1 pizzico

Per la Crema pasticciera

  • Latte intero 500 ml
  • Tuorli 3
  • Amido di mais (maizena) 50 g
  • Zucchero 90 g
  • Burro 25 g
  • Amaretto (liquore) 10 ml
  • Estratto di vaniglia 1 cucchiaio
  • Scorza di limone (facoltativa) q.b.

Per la Farcitura

  • Amaretti SECCHI (NO morbidi) 200 g
  • Liquore all'amaretto/o al caffè (per bagnare gli amaretti) q.b.
  • caffè lungo (facoltativo) q.b.
  • Gocce di cioccolato fondente (facoltativo) q.b.

Preparazione

Per la PASTA FROLLA

  1. Mettete nell’impastatrice il burro freddo di frigorifero e la farina e avviare con la frusta a foglia e formate velocemente un briciolame (se invece impastate con le mani: sfregate tra le dita, e dopo, quando si aggiungono gli altri ingredienti, impastate velocemente solo con la forchetta, per NON scaldare troppo la pasta.)

  2. Aggiungete le uova sbattute, il sale, il lievito in polvere, gli aromi, il liquore e avviate di nuovo la frusta a foglia per 1 min. finchè l’impasto diviene liscio e sodo (NON lavorate troppo).

    Coprite la pasta frolla con pellicola trasparente e riponete in frigorifero, da un minimo di un’ora a tre ore (si può anche preparare il giorno prima o congelare ed utilizzare al momento).

  3. Un segreto è: stendere la pasta frolla su di un foglio di carta forno cosparso di amido di mais (maizena), in questo modo potete stenderla senza temere di alterare la ricetta originaria.

Per la CREMA PASTICCIERA

  1. Per la crema pasticciera, ho utilizzato la mia ricetta super collaudata per la cottura in forno (la trovate QUI nella versione super cioccolattosa), con queste dosi infatti, la crema dopo la cottura resta cremosa, ma compatta al taglio.

    Ponete in una casseruola lo zucchero e i tuorli,  mescolare bene ed aggiungete l’amido di mais (e se piace, la scorza grattata di un limone).

  2. Intanto, versate il latte in un pentolino sul fuoco e quando sarà QUASI bollente versarlo a piccole quantità sulle uova lavorate, mescolando benissimo con la frusta a mano, evitando di formare grumi.

  3. Mettete di nuovo la pentola sul fuoco, mescolando continuamente finchè la crema non si addensa.

    Lasciate bollire per 5′ minuti e, spento il fuoco, aggiungete subito, il burro e l’estratto di vaniglia.

    Fate raffreddare la crema in frigorifero, ricoperta con pellicola a contatto e infine, al momento di utilizzarla, aggiungete 10 ml di liquore.

    La crema si può preparare anche il giorno prima di utilizzarla, conservata in frigorifero ricoperta sempre con pellicola a contatto.

FARCITURA

  1. crostata agli amaretti

    Per la farcitura, bagnate gli amaretti (anche quelli che conserverete interi) immergendoli – velocemente – nel liquido prescelto secondo il vostro gusto (caffè o liquore all’amaretto).

  2. Foderate una teglia di 26 cm di diametro (o di 20 cm se la preferite più alta) con due terzi della pasta, bucherellate il fondo con uno stuzzicadenti (NO forchetta).

    Ricoprite il fondo della crostata con uno strato (non sottile) di amaretti sbriciolati (e volendo, aggiungete il cioccolato fondente tritato), sopra a questo strato versate tutta la crema (deve arrivare ai bordi della crostata) e ricopritela di amaretti sia sbriciolati, che interi per formare delle piccole montagnelle (come in foto) ricoprite con la pasta frolla restante, bucherellate anche la superficie con uno stuzzicadenti (NO forchetta, altrimenti si rovina l’effetto montagnella), sigillate bene le estremità del bordo.

     

  3. crostata agli amaretti

    Lucidate la crostata agli amaretti con poco latte o con un tuorlo mischiato al latte.

    Cuocete in forno pre-riscaldato a 180° per circa 45′ minuti. se la superficie tende a dorarsi troppo, coprite con alluminio e continuate la cottura.

    Trascorso il tempo di cottura indicato, fate raffreddare completamente la crostata e spolverate con dello zucchero a velo

CONSIGLI

  • Per realizzare questa crostata agli amaretti, è importante utilizzare i classici amaretti secchi e non quelli morbidi incartati singolarmente a caramella.
  • Se preparate la crostata il giorno prima di servirla, sarà ancora più buona perchè i sapori si fondono meglio.

Pubblicato da lericettedimarci13

Sono napoletana e la passione per la cucina oltre che dalla tradizione culinaria della mia città, mi è stata trasmessa dalle nonne e dalle zie della mia famiglia delle quali conservo gelosamente le ricette tramandate di generazione in generazione e fedelmente trascritte, passo dopo passo, in quaderni e ricettari vari. Inoltre nel tempo, questi quaderni sono stati da me aggiornati seguendo i più famosi Siti di cucina, i forum sul tema e le trasmissioni tv più di successo in questi ultimi anni, possiedo quindi una quantità infinita di ricette tutte da me sperimentate . Finalmente questo blog mi dà la gioia di condividere questo piccolo tesoro di ricette antiche e nuove che negli anni mi ha dato tante soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.