BACK TO THE FUTURE – Festival del giornalismo alimentare

Il 23, 24 e 25 febbraio Torino è stata la sede del Festival del giornalismo alimentare ed io ho avuto la fortuna e possibilità di partecipare al press tour Back to the future.

Un press tour, organizzato e curato nei minimi dettagli dove, grazie ad un tuffo nel passato, abbiamo scoperto le abitudini alimentari dei romani, per terminare con un social eating a casa di una giovane coppia di Torino.

Ma ora vi spiegherò meglio.

Partita da Milano alla volta di Torino, mi sono goduta il centro della città praticamente deserto, erano le 9.00….

Ho potuto ammirare i monumenti in onore al Po’, alla Dora Riparia e a Emanuele Filiberto posto al centro di Piazza San Carlo.

Alle 10.00 arrivo all’entrata del Palazzo Reale e qui vengo accolta da Marilena, una delle organizzatrici del Festival del Giornalismo Alimentare.

Qualche chiacchiera veloce con le altre blogger e giornaliste e via che si parte!

Back to the future – Press tour

Back to the future – un tuffo nel passato

Inizia quindi il nostro press tour guidato dalla D.ssa Archeologa Patrizia Pettiti, all’interno del Museo del Palazzo Reale.

Siamo state catapultate al tempo dei romani.

Partendo dai ritrovamenti archeologici delle loro “pattumiere”, abbiamo scoperto le loro abitudini alimentari.

Sembra molto strano, ma se ci pensiamo, anche noi possiamo sapere tanto sulle nostre abitudini alimentari analizzando i nostri rifiuti.

Un viaggio bellissimo tra anfore, vasi e ciotole di terracotta che servivano per conservare il cibo, come olio, vino, frutta.

In alcune era contenuto il garum, una sorta di colatura di pesce pregiato, simile alla nostra attuale colatura di alici.

Dalla terracotta si passa al vetro, molto più igienico e con la possibilità di vedere il prodotto venduto.

Abbiamo visto anche uno dei primi biberon, si pensa che fosse utilizzato anche come oliera, tuttavia sono stati ritrovati all’interno dei residui di latte.

Il nostro viaggio continua con lo scheletro di un guerriero.

Le ossa possono raccontare molto sull’archeologia alimentare, in questo caso la dieta era povera di carne.

L’assenza di denti e l’osso del braccio sinistro molto più piccolo del destro, era indice di rachitismo.

La nostra esperienza all’interno del Palazzo Reale si conclude con un piccolo laboratorio dove abbiamo realizzato il moretum.

Il moretum è un mix di semi di finocchio, menta, ruta e semi di coriandolo che si usava per accompagnare e aromatizzare formaggi a pasta molle.

I romani non dosavano i cibi ma andavano ad occhio o a gusto personale ed è proprio sulla base di quest’ultimo, che ognuno di noi ha creato il proprio mix.

Nel mio caso, ho aggiunto più menta e finocchietto, conferendo quindi una nota molto più fresca.

Back to the future – il social eating

Grazie a Gnammo, abbiamo potuto sperimentare una nuova forma di convivialità, ossia il social eating.

Usciti dal Palazzo Reale, ci siamo diretti verso la casa di Barbara e Maurizio, che ci hanno accolto e deliziato con un pranzo da leccarsi i baffi!

Back to the future – Press tour

Il pranzo è stato interamente preparato da Maurizio ed è stato ineccepibile.

Abbiamo iniziato con una flan di zucca e topinambur con salsa al parmigiano, connubio perfetto e tutto molto equilibrato.

Come primo, spaghetti con crema di ceci profumata al rosmarino e guanciale croccante, spettacolare, soprattutto la crema di ceci.

E per finire, una sorta di tiramisù al caffè senza panna. Leggero e gustosissimo.

Due perfetti padroni di casa che hanno saputo metterci a nostro agio e dove abbiamo raccontato e condiviso le nostre esperienze.

La giornata si conclude con un’ultima passeggiata per il centro, ormai gremito di gente, e con la gioia nel cuore per la bellissima esperienza.

Sono tornata a Milano stanca ma felice, consapevole di aver imparato tanto e conosciuto delle persone, che come me condividono la passione per il cibo.

Un grazie allo staff del Festival del Giornalismo Alimentare, per aver curato nei minimi dettagli questa giornata.

Un grazie enorme a Barbara e Maurizio per averci aperto la loro casa e il loro cuore!

Elenuar

Potete seguirmi anche su:
Facebook: Le ricette di Elenuar
Twitter: @elekick78
Pinterest: Le ricette di Elenuar
Instagram: lericettedielenuar

 

Precedente MELE GRIGLIATE ALLA CANNELLA - Ricetta dolce Successivo SHIRATAKI CON PAK CHOI E PERE - Ricetta senza glutine