Zeppole o graffe con patate

Caro diario,

questa è la ricetta delle zeppole di “zia Pina, morbide morbide, fino a mattina”! Zia Pina è mia cognata, la reginetta della zeppola dorata e soffice. Nel salernitano, queste ciambelline, fatte con patate e farina, si chiamano “zeppole” e non “graffe”, ma dalle graffe napoletane, si differenziano solo nel nome!

INGREDIENTI

500 – 600 gr farina (dipende dalle patate)

3 cucchiai zucchero

pizz sale

4 uova

1 bustina vanillina

un cucchiaino di lievito vanigliato paneangeli

buccia grattata di un limone

5oo g patate lesse schiacciate calde ma non bollenti

5o g burro sciolto

lievito di birra (15 gr)

cannella

zucchero per guarnirle

olio per friggere

PROCEDIMENTO

Cuocere in acqua le patate con la buccia, a cottura avvenuta, spellarle e schiacciarle sulla spianatoia con la schiacciapatate.

Aggiungere lo zucchero e la farina facendo la fontana, a centro mettere le uova a temperatura ambiente, il burro sciolto e intiepidito, la bustina di vanillina, il cucchiaino di lievito pane angeli, la buccia grattata di un limone, il lievito di birra sciolto in poco latte tiepido.

Impastare aiutandosi con la forchetta, poi con le mani amalgamare bene il tutto, dando all’impasto omogeneità, non deve presentare grumi e deve risultare morbido, ma non appiccicoso.

Una volta che avrete impastato, mettete l’impasto  in una ciotola coprite con la pellicola per alimenti e lasciate lievitare per un paio d’ore o fino a quando l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume.

Trascorso il tempo di lievitazione rovesciate l’impasto sulla  spianatoia infarinata, e ricavate tanti pezzetti  con i quali formerete delle palline che schiaccerete e bucherete al centro come se fosse una ciambella.

Per questa operazione io ho usato il coppapasta rotondo ed ho bucato al centro con un tappo di bottiglia, aiutandovi con un po’ di farina se l’impasto dovesse attaccarsi alle mani.

Poggiate le ciambelline ottenute su un piano infarinato, coprite le zeppole con un canovaccio e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume.

12076347_703315509767997_58446901_o

Trascorso il tempo necessario, friggete le ciambelle in abbondante olio caldo ma non troppo bollente, le zeppole devono galleggiare nell’olio e devono essere rigirate in modo da potersi dorare uniformemente, gonfiarsi bene e cuocere all’interno.

Mettetele a scolare su della carta assorbente, prima che si raffreddano  passatele nello zucchero semolato al quale avrete aggiunto la cannella.

Mangiatele se è possibile “frienn magnann”, comunque anche in giornata e fino al giorno dopo mantengono la loro morbidezza!

12071786_703315479768000_1986666777_n

 

Commenti

commenti

Precedente Petto di pollo filante con peperoni Successivo Polpettoni con prosciutto cotto e uova sode