Torrone

Torrone un dolce non esclusivamente natalizio, ma che si prepara anche in altre occasioni. In alcune regioni è tradizione prepararlo anche in occasione dei morti. Nella mia città: Salerno, lo mangiamo per la festa di S. Martino. Nel salernitano infatti è tradizione festeggiare nel giorno di San Martino,  i mariti traditi, meglio conosciuti come “cornuti”! Il buon compagno salernitano, marito o fidanzato, per scongiurare che ciò accada, dona alla propria compagna   deliziosi torroni. Questi dovrebbero garantirne “l’immunita” all’uomo, cosa non certa,ma sicuramente garantiscono qualche etto di peso in più alla donna! Spulciando sul web ho trovato anche queste notizie sull’origine di questa festa. La festa di S.Martino, vescovo di Tours, nasce in Francia, quando questa era ancora sotto l’influsso pagano dei Celti, che celebravano l’inizio del nuovo anno a novembre. San Martino è poi finita per diventare la festa dei mariti traditi, forse perché nel giorno dedicato al Santo si svolgevano, in più località, fiere di bestiame, per lo più “munito di corna”. Secondo un’altra ipotesi, anticamente, si celebravano, proprio a novembre, 12 giorni di sfrenata festa pagana, di tipo carnevalesco, durante i quali avvenivano spesso gli adulteri. I mariti traditi venivano fatti oggetto di scherno e di una vera caccia, sia pur simulata, nella quale essi dovevano interpretare il ruolo del cervo, animale dalle ricche e ramificate corna. A Ruviano nel Casertano, l’11 novembre si fa la festa dei “cornuti” con balli e sfilate in maschera.

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 10-12 porzioni
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 1 spicchio stampo da plumcake (22 x 15 cm)
  • 500 g Cioccolato bianco
  • 300 g Cioccolato fondente
  • 400 g Crema spalmabile alle nocciole
  • 300 g Nocciole intere spellate (tostate)

Preparazione

  1. Iniziamo dalla preparazione del guscio del torrone. Sciogliamo a bagnomaria 100 g di cioccolato fondente se si desidera un guscio fondente, altrimenti sciogliamo cioccolato bianco oppure al latte se si desidera un guscio con altro cioccolato. Attenzione a non far entrare acqua nella pentola dove sciogliamo il cioccolato. Mescoliamo per facilitarne l’operazione.

  2. Una volta sciolto il cioccolato versiamolo nello stampo da pumcake, ma vanno bene anche gli stampi in alluminio usa e getta. Con un pennello da cucina stendiamo il cioccolato su tutta la superficie dello stampo. Poniamolo in frigo per circa 30 min. Facciamolo rassodare, trascorso questo tempo, sciogliamo a bagnomaria altri 100 g di cioccolato e versiamolo nello stampo, ricopriamo con il pennello lo strato precedente. Questa operazione servirà a rendere più solido e resistente il guscio. Riponiamo di nuovo in frigo e facciamolo asciugare per altri 30 min.

  3. Nel frattempo prepariamo il ripieno. Sciogliere a bagnomaria il cioccolato bianco. Appena sarà diventato cremoso aggiungiamo la crema spalmabile, mescoliamo ed amalgamiamo bene.

  4. Trasferiamo il tutto in una ciotola capiente ed aggiungiamo le nocciole intere tostate. Amalgamiamo bene tutti gli ingredienti.

  5. Prendiamo dal frigo lo stampo, versiamo il composto appena preparato nello stampo, livelliamo bene la superficie con una spatola. Poniamo di nuovo in frigo per almeno 4-5 ore, coprendo il torrone con carta argentata.

  6. Trascorso il tempo, riprendiamo il torrone e cospargiamo la superficie con altri 100 g di cioccolato sciolto a bagnomaria (questo passaggio non è necessario se si vuole fare a meno della base in cioccolato). Teniamolo in frigo per altri 30 min. Pulire bene il bordo dello stampo , in modo che possa passare l’aria tra il cioccolato e lo stampo, così da farlo staccare senza difficoltà. Se avete usato lo stampo in alluminio questa operazione risulterà molto semplice, infatti basterà tagliarlo e staccarlo delicatamente dal torrone. Servirlo su un tagliere o su un piatto da portata tagliato a pezzi.

Note

Il torrone si conserva anche per una settimana, sia in frigo che fuori, chiuso in un contenitore ermetico. Se per la preparazione usate gli stampi in alluminio, per 4 persone, con questa dose otterrete due torroni.

Commenti

commenti

Precedente Biscotti zucca Halloween Successivo Crostini di pane di segale con crema di zucchine e gamberi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.