Fusilli allo scarpariello con melanzane

Fusilli allo scarpariello con melanzane un ottimo primo fatto con lo scarpariello https://blog.giallozafferano.it/leo63/scarpariello-napoletano/ antichissimo sugo napoletano, usato per condire la pasta. Con lo “scarpariello” napoletano, veloce sugo preparato anticamente, dalle mogli dei calzolai napoletani, nei retrobottega durante la pausa di mezzogiorno, ho condito i fusilli avellinesi, ed ho aggiunto le melanzane. Il risultato è stato eccezionale, in pochissimo tempo ho realizzato un appetitoso primo, ideale per i pranzi della domenica estivi.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 320 gfusilli (io ho usato fusilli avellinesi)
  • 500 gpomodorini ciliegino (oppure datterino)
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchioaglio
  • 30 gpecorino
  • 30 gparmigiano Reggiano DOP
  • 1 mazzettobasilico
  • 1peperoncino
  • 3melanzane

Preparazione

  1. Cominciamo col preparare lo scarpariello. In una padella con un filo di olio extravergine fate imbiondire uno spicchio di aglio, aggiungi il peperoncino e aggiungi i pomodorini tagliati. Metti un poco di sale, il basilico tagliato e fai cuocere lentamente per circa 15 minuti. A cottura ultimata, spegni il gas ed aggiungi il formaggio, mescola bene con un cucchiaio di legno.

  2. Tagliate le melanzane a cubetti, mettetele sotto sale per una mezz’ora, sciacquatele e poi strizzatele, friggetele in poco olio, sgocciolatele dell’olio in eccesso su carta assorbente.

  3. Cuocete i fusilli in acqua salata, scolateli al dente.

  4. In una padella mettete i fusilli, conditeli con lo scarpariello, aggiungete le melanzane, ed altro basilico fresco. Spadellate bene.

  5. Servite la pasta subito e spolverate con altro formaggio. Buon appetito!

/ 5
Grazie per aver votato!

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.