Crea sito

Treccia di Pasqua della mia nonna

Treccia di Pasqua della mia nonna

Questa ricetta aveva un procedimento lunghissimo ai tempi della mia nonna (ci volevano quasi 2 giorni) …….. ora l’ho riprodotta con la macchina del pane ed è decisamente più veloce nell’esecuzione (solo 1/2 giornata)!!!

  • Preparazione: 1 Ora
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 6/8 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 4 Uova (grandi)
  • 240 g Burro
  • 4 cucchiai Zucchero
  • 2 pizzichi Sale
  • 450 g Farina
  • 20 g Lievito di birra fresco
  • 100 g Uvetta
  • 1 Uovo (da spennellare)
  • 1 cucchiaio Zucchero

Preparazione

  1. Mettere gli ingredienti nelle MdP esattamente nell’ordine in cui sono stati scritti.

  2. Far partire il programma solo impasto.


    Trascorso il tempo far ripartire una seconda volta il programma impasto, aggiungendo l’uvetta.

  3. Mettere ora l’impasto sul tagliere e suddividerlo in tre parti che andranno allungate formando dei cilindri che poi dovranno essere intrecciati tra loro.

    Prendere poi le due estremità e chiuderle a cerchio.

    Sistemare sulla placca del forno.

  4. Riporre la treccia in frigorifero per un ora.

    Mia nonna ce la teneva tutta la notte!

    Toglierla da frigorifero e lasciarla ancora lievitare almeno un’altra ora.

    Spennellare con l’uovo sbattuto, cospargere di zucchero.

  5. Poi in forno a circa 200° per un 15-20 minuti!

  6. Far raffreddare e poi gustatela in tutta la sua fragranza.

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare e la mia passione è diventata anche un lavoro, ho gestito per 10 anni il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.