Trancio di squaletto alla livornese

Trancio di squaletto alla livornese

Un secondo velocissimo a base di carne di squalo e pomodoro, dal sapore di mare.

Sia che lo chiamiate verdesca, smeriglio, spinarolo, palombo, gattuccio, mako, cane bianco, cagnolo, penna, vitello di mare, gattuccio…) in realtà è sempre e comunque carne di squalo.

La carne di squalo ha un sapore deciso ed è apprezzabile soprattutto per l’assenza di spine nelle carne, La sua una carne è ritenuta molto ricca di principi nutritivi e  considerata una buona fonte di proteine contenendo pochissimi grassi.
È priva di lische e spesso viene adoperata per esser cucinata anche alla griglia assieme ad altri pesci oppure può essere cotta arrosto in forno con un contorno di patate al rosmarino.

Per chi segue un regime dietetico poco calorico è adatta per esser cotta al vapore e servito assieme ad abbondante prezzemolo fresco tritato e cosparso di pepe verde macinato per dargli un sapore più deciso.

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 4 fette Squaletto
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 mazzetto Prezzemolo
  • 200 ml Passata di pomodoro
  • 1 bicchiere Vino bianco secco
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe
  • q.b. Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Tritare lo spicchio d’aglio ed il prezzemolo e metterli in padella con 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva e farli soffriggere leggermente.

    Sistemare i tranci di squaletto nel tegame e rosolarli da ambo i lati.

    Sfumare con un mezzo bicchiere di vino bianco e farlo evaporare.

    Aggiungere la passata e far cuocere ancora per una decina di minuti a fuoco moderato.

Note

Precedente Zucchine ripiene Successivo Rotolo di pollo al tegame

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.