Crea sito

Polpo all’andorese

Polpo all’andorese  Un secondo dal sapore di mare con polipo, patate ed olive davvero gustoso e saporito. Ricetta che ho trovato sul sito di coock around delle sorelle Maddy e Betty di cui ne ho apprezzato moltissimo il sapore, ho fatto una piccola variante alla stessa perché preferisco il sapore dello scalogno a quello dell’aglio

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2 kgPolpo
  • 1Pomodoro ramato
  • 3 cucchiaiConcentrato di pomodoro
  • 6Patate
  • 1 bicchiereVino bianco secco
  • 1Scalogno
  • 1 mazzettoPrezzemolo
  • 200 gOlive taggiasche
  • q.b.olio e
  • q.b.Sale

Preparazione

  1. Pulire ed eviscerare il polipo. Mettere una pentola di acqua salata sul fuoco e portare ad ebollizione, tuffarvi il polipo, diminuire la fiamma  e portarlo a cottura, sui tempi di preparazione è chiaro che dipende dalla dimensione del polipo stesso, in genere per un polipo di un kg. ci vogliono circa 40 minuti. Una volta cotto lasciarlo raffreddare nelle propria acqua di cottura. Una volta raffreddato scolarlo e tagliarlo a rondelle. Nel frattempo, tritare lo sclogno ed il prezzomol, sistemarli in una capiente padella con l’olio extravergine d’oliva e far soffriggere leggermente. Unire il polipo al soffritto e sfumare con il vino bianco, facendolo poi evaporare. Unire il pomodoro tritato e il concentrato di pomodoro. Sbucciare le patate e tagliarle a cubetti, passarle sotto l’acqua corrente e unirle al polipo, aggiungere infine le olive, aggiustare di sale. Aggiungere un mestolo di acqua e far cuocere fino a che le patate non saranno cotte. Ci vorranno circa 30/40 minuti. Buon appetito! 😉

Note

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare ed ora la mia passione è diventata un lavoro, gestisco dal 2010 il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.