Polenta al ragù

Polenta al ragù

Un primo piatto gustoso con una morbida polenta condita da un ragù di carne.

Un piatto di lunga preparazione, ma di grande soddisfazione per il palato 😉

  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:3 ore
  • Porzioni:6/8 persone
  • Costo:Medio

Ingredienti

Per la polenta

  • Farina di mais 250 g
  • Acqua 2 l
  • Burro 50 g
  • Sale q.b.

Per il ragù

  • Macinato di manzo 500 g
  • Macinato di maiale 100 g
  • Pancetta fresca 100 g
  • Cipolle 100 g
  • Carote 100 g
  • Sedano 100 g
  • Passata di pomodoro 500 ml
  • Concentrato di pomodoro 2 cucchiai
  • Vino rosso 1 bicchiere
  • Latte 100 ml
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

  1. Cominciare preparando il ragù.

    Sciogliere nel tegame la pancetta tritata con un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva.
    Aggiungere le verdure ben tritate e farle appassire dolcemente.

    Aggiunge la carne macinata e la si si lascia rosolare, rimescolando sino a quando “sfrigola”; si aggiunge il bicchiere di vino e si lascia evaporare.

    Aggiungere la passata di pomodoro allungata con un poco di brodo, e il concentrato

    Lasciare sobbollire per circa 3/4 ore, aggiungendo volta a volta il latte, e aggiustando di sale e pepe nero.

    Preparare la polenta.

    Mettere l’acqua in un tegame salarla e quando raggiunge il bollore versarvi a pioggia la farina di mais continuando a mescolare soprattutto nella fase finale, ci vorranno circa 45/60 minuti.

    La polenta deve rimanere abbastanza morbida.

    Mantecare con il burro, distribuire nei piatti e condire con il ragù e se vi piace una spolverizzata di parmigiano reggiano.

    Buon appetito! 😉

Ricette primi piatti

Informazioni su lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare ed ora la mia passione è diventata un lavoro, gestisco dal 2010 il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Precedente Fricandò Successivo Orecchiette al ragù di stridoli e guanciale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.