Crea sito

Piada dei morti

La piada dei morti è un lievitato dolce tipico della tradizione romagnola, ricoperto di mandorle, pinoli e noci,
Ottima come fine pasto, colazione, merenda.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni6/8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 125 gFarina 00
  • 125 gFarina Manitoba
  • 100 gZucchero
  • 50 gStrutto
  • 1Uovo
  • 10 gLievito di birra fresco
  • 75 mlLatte
  • 40 gUvetta
  • 40 gPinoli
  • 40 gMandorle pelate
  • 40 gNoci
  • q.b.Zucchero di canna

Preparazione

  1. In una planetaria impastare le farine con l’uovo, lo zucchero il latte ed il lievito di birra disciolto in un po’ di latte tiepido.

  2. Una volta che si è formato l’impasto aggiungere in due volte lo strutto continuando a far andare la planetaria.

    Far incorporare lo strutto poi togliere l’impasto dalla planetaria ed inserire impastando a mano l’uvetta.

  3. Sistemare la piada dei morti in una ciotola e coprirla con la pellicola.

    Mettere i forno spento con la luce accesa per almeno 2 ore o comunque fino al raddoppio.

  4. Riprendere l’impasto e schiacciarlo con le mano formando un cerchio dello spessore di mezzo centimetro.

    Distribuire sulla piada le noci, le mandorle e i pinoli ed una generosa spolverizzata di zucchero di canna.

  5. Far lievitare per un’altra ora.

    Mettere in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.

    Far raffreddare e buon appetito! 😉

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare ed ora la mia passione è diventata un lavoro, gestisco dal 2010 il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.