Patate di Suor Erminia

Patate di Suor Erminia

Patate al forno cosi nominate perchè è il nome della persona che mi ha insegnato questa ricetta.

Adatte per tutti coloro che non hanno ancora trovato la vostra formula magica per ottenere delle patate al forno praticamente perfette, morbide all’interno e con una bella crosticina croccante fuori.

Sembra banale ma anche questa ricetta ha il suo perché.

Sono uno dei piatti più semplici da preparare ma riescono a rendere felici davvero tutti!

Un ottimo contorno che mette d’accordo tutti a tavola, dai più grandi ai più piccini.

  • Difficoltà:Molto Bassa
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:1 ora
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Patate (medie) 5
  • Rosmarino 3 rametti
  • Dado per brodo 1
  • Aglio 1 spicchio
  • Strutto 2 cucchiai

Preparazione

  1. Sbucciare le patate e tagliarle a pezzettoni, lavarle e metterle in un solo strato in una pirofila che possa stare sia sul fuoco che in forno.

    DA QUESTO MOMENTO LE PATATE NON VANNO PIù TOCCATE FINO AL MOMENTO DI SERVIRLE!!!!!!!!

    Aggiungere il rosmarino, il dado, l’aglio sbucciato, lo strutto e mettere tanta acqua da coprirle appena.

    Mettere sul fuoco a fuoco vivace per 30 minuti, l’acqua si deve assorbire quasi del tutto.

  2. Passarle ora in forno preriscaldato a 200° per altri 30 minuti.

    Buon appetito! 😉

Note

Esistono quattro tipi di patata che si trovano normalmente in commercio:

  • Patate a pasta gialla, dalla polpa compatta, derivano il loro colore dalla presenza di caroteni. Sono impiegate per le patatine fritte industriali e casalinghe, ma sono adatte anche per le insalate e le cotture in forno.
  • Patate a pasta bianca, dalla polpa farinosa che si spappola durante la cottura. Sono adatte ad essere schiacciate, per esempio nel purè, nelle crocchette o negli gnocchi.
  • Patate novelle, caratteristiche per la buccia sottile, vengono raccolte quando la maturazione non è completa. Sono a breve conservazione e andrebbero bollite con la buccia.
  • Patate a buccia rossa e pasta gialla, caratterizzate dalla polpa soda che le rende indicate per le cotture intense quali cartoccio, forno e frittura.

Contorni

Informazioni su lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare ed ora la mia passione è diventata un lavoro, gestisco dal 2010 il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Precedente Triglie gratinate Successivo Pesche in bianco e nero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.