Crea sito

Fricandò

Fricandò

Piatto abituale qui da noi in Romagna, composto di un fritto di patate, cipolle, melanzane, peperoni, zucchine, pomodori.

Il procedimento è un po’ lungo, ma cuocendo le verdure separatamente si ha un risultato finale decisamente migliore!!!

  • Preparazione: 1 Ora
  • Cottura: 1 Ora
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6/8 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 1 Peperone rosso
  • 1 Peperone verde
  • 1 Peperone giallo
  • 1 Melanzana
  • 2 Zucchine
  • 2 Cipolle
  • 2 Patate
  • 20 Pomodorini ciliegino
  • 5 foglie Basilico
  • 1 cucchiaino Aceto balsamico
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe

Preparazione

  1. Svuotare i peperoni dei semi e tagliateli a listarelle e cuocerli a fuoco vivace in una padella capiente, deve alla fine contenere tutte le verdure.

  2. Tagliare le zucchine a dadini e cuocerle a fuoco vivo in un’altra padella, scolarle e aggiungerle ai peperoni.

  3. Friggere le melanzane tagliate a cubetti e poi aggiungerle ai peperoni e zucchine.

  4. Tagliare le patate tocchetti e friggerle nella padella, unirle poi alle altre verdure.

  5. Affettare le cipolle e rosolarle con olio d’oliva in un’altro tegame e fare la stessa cosa.

  6. Friggere infine i pomodorini e unirli alle altre verdure.

  7. Salare e far andare ancora le verdure per 5 minuti a fuoco allegro mescolando.

    Spegnere e aggiungere alcune foglie di basilico e alcune gocce di aceto balsamico, Mescolare e aggiustare di sale e pepe.

  8. Far intiepidire e portare in tavola.

    Buon appetito! 😉

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare ed ora la mia passione è diventata un lavoro, gestisco dal 2010 il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.