Crea sito

Crostata sapori di Romagna

Crostata sapori di Romagna


Una crostata che racchiude i nostri sapori tipici, il morbido squacquerone e la dolce cagnina.


Un dolce golosissimo ed insolito per chiudere il pranzo.  

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni8 persone
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per la pasta frolla

  • 250 gFarina
  • 2Tuorli d’uovo
  • 100 gZucchero
  • 150 gBurro

Per la crema allo squacquerone

  • 300 gSquacquerone
  • 300 gPanna
  • 120 gZucchero di canna
  • 3 fogliColla di pesce

Per decorare

  • 2Pere
  • 300 mlCagnina (vino dolce della Romagna)
  • 1Scorza d’arancia

Preparazione

  1. Preparare la pasta frolla

    Impastare velocemente tutti gli ingredienti, io utilizzo la macchina del pane con il programma impasto veloce.

    Riporre il panetto ottenuto in frigorifero avvolto da pellicola trasparente.

    Dopo circa un ora è pronta per essere utilizzata.

    Stendere la pasta frolla e ricoprire uno stampo dal bordo apribile di cm 24 anche sui bordi.

    Bucherellare l’impasto con i rebbi di una forchetta, coprire con fagioli secchi per evitare che la pasta si gonfi e riporre in forno preriscaldato a 170° per circa 15/20 minuti.

    Sfornare e far raffreddare all’interno dello stampo.

    Preparare la crema allo scquacquerone: mettere a scaldare la panna, appena raggiunge l’ebollizione spegnere e sciogliervi all’interno i fogli di gelatina precedentemente ammollati in acqua fredda e poi strizzati.

    Far intiepidire ed unire la panna allo squacquerone mescolando bene il composto con l’aiuto di fruste elettriche.

    Versare la crema all’interno della pasta frolla e riporre in frigorifero.

    Sbucciare le per ed affettarle, sistemarle in una pentola con la scorza dell’arancia e coprire con la cagnina, portare ad ebollizione e far cuocere per 30 minuti.

    Far raffreddare e decorare la crostata con le fette di pera e la rimanente cagnina.  

  2. Riporre nuovamente in frigorifero e al momento di servire toglierla dalla stampo e gustatela!!! Buon appetito! 🙂

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare ed ora la mia passione è diventata un lavoro, gestisco dal 2010 il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.