Crea sito

Acquadelle o latterini fritti

Acquadelle o latterini fritti

Piccoli pesciolini dal sapore leggermente amaro sono definiti pesce povero, ma contengono notevoli quantità di calcio, sono un piccoli pesci, diffusi in particolare nel mar Adriatico ma appartenente a un genere che troviamo, con pochissime differenze morfologiche tra una specie e l’altra, in gran parte dei mari del mondo.

Un secondo di pesce saporito e gustoso, basta rispettare alcuni accorgimenti. Sono come le ciliege, uno tira l’altro 😉

  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 800 g Acquadelle
  • q.b. Farina di semola
  • q.b. Sale grosso marino
  • q.b. Olio di semi di girasole (per friggere)

Preparazione

  1. Sciacquare velocemente i pesciolini sotto acqua corrente e metterli a scolare in uno scolapasta.

  2. Mettere una padella tipo wock sul fuoco e versarvi l’olio, portarlo ad una temperatura di circa 180°

    Asciugare le acquadelle con l’aiuto di panno carta e passarle velocemente nella farina.

  3. Scuoterle per togliere la farina in eccesso e tuffarle poche per volta nell’olio caldo.

    In pochi minuti diventeranno croccanti, con l’aiuto di una schiumarola estrarle dall’olio e farle asciugare su carta paglia o su carta per fritti.

  4. Salarle con il sale grosso e servire immediatamente.

     

Note

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lemieloverie

Non sono uno chef, né tanto meno chissà quale cuoca, ma mi è sempre piaciuto cucinare e la mia passione è diventata anche un lavoro, ho gestito per 10 anni il Chiosco le coccinelle a Ravenna. Raccolgo in questo blog le miei ricette, quelle recuperate di famiglia e tutte quelle che nel tempo ho provato e che mi sono particolarmente piaciute.

2 Risposte a “Acquadelle o latterini fritti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.