PESTO DI PEPERONI

Il pesto di peperoni per me è stata una gradevole scoperta. E’ delicato come sapore, e si appresta non solo a condire la pasta, ma può essere anche utilizzato per arricchire dei crostini di pane o il ripieno di torte salate. Lo preparo a crudo, perciò anche la sua lavorazione è molto veloce. Ora vi trascrivo la mia ricetta con delle possibili varianti riportate tra le parentesi. Come sempre io affido il lavoro al mio adorato Bimby, ma chi non lo ha può comodamente usare un frullatore.

pesto di peperoni

PESTO DI PEPERONI

Ingredienti per condire 1 kg di pasta

  • 400gr di peperoni rossi (ma anche rossi e gialli )
  • 100gr di formaggio grana
  • 30gr di mandorle (potete usare anche i pinoli o le noci)
  • 1 spicchio d’aglio (anche 2 se vi piace sentire il sapore forte)
  • 50gr di olio e.v.o
  • 10gr di scalogno
  • 1 manciata di foglie di prezzemolo (oppure qualche foglia di basilico)

PREPARAZIONE CON IL BIMBY: Lavate, asciugate e tagliate a pezzi i peperoni, privandoli dei semini e dei filamenti bianchi. Mettere da parte. Nel boccale mettere il grana a pezzi, l’aglio e lo scalogno, frullare a velocità turbo per 15 secondi. Aggiungere i peperoni messi da parte prima e frullare di nuovo, velocità turbo per 10 secondi. Inserire l’olio, emulsionare a velocità 5 per 10 secondi, poi unire il prezzemolo, velocità 5 per 5 secondi.

pesto di peperoni

SENZA BIMBY: Lavate, asciugate e tagliate a pezzi i peperoni, privandoli dei semini e dei filamenti bianchi. Mettere da parte. Nel frullatore mettere il grana già grattugiato, l’aglio e lo scalogno, frullare a massima velocità per un paio di secondi, fin quando sarà tutto amalgamato bene. Aggiungere i peperoni messi da parte prima e l’olio e frullare di nuovo a massima velocità. Deve risultare una crema fluida e senza grossi grumi. Aggiungere il prezzemolo tagliato a pezzettini e mescolare.

Conservatelo in frigorifero in un recipiente con coperchio o ricoperto con pellicola trasparente, così durerà un paio di giorni. Oppure potete congelarlo e conservarlo per un paio di mesi.

PUOI SEGUIRMI ANCHE SU FACEBOOK oppure TWITTER

a

 

 

Precedente PASTA FROLLA SENZA UOVA Successivo PROPORZIONI IN CUCINA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.