COLOMBA CLASSICA

La colomba classica è il dolce che a Pasqua non deve mancare sulle tavole italiane. Ogni regione ha il suo dolce delle feste, ma la colomba è praticamente ovunque, da nord a sud e nelle isole… Si racconta che fu’ realizzata nei primi del novecento da una nota azienda milanese per arricchire le giornate di Pasqua, un po’ come succede per il panettone a Natale. Sarà vero? E se non avete mai provato a prepararla a casa, cosa state aspettando? Il lavoro è un po’ lungo, ma viene tutto ripagato dalla bontà finale della vostra colomba classica fatta in casa.

  • DifficoltàMedio
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione1 Giorno
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni1 Kg
  • CucinaItaliana

Ingredienti

PRIMO IMPASTO

  • 140 gFarina Manitoba
  • 140 gLatte
  • 20 gMiele
  • 5 gLievito di birra secco

SECONDO IMPASTO

  • 100 gFarina Manitoba
  • 30 gZucchero
  • 20 gBurro (Temperatura ambiente)

TERZO IMPASTO

  • 210 gFarina Manitoba
  • 120 gZucchero
  • 2Uova
  • 80 gBurro (Temperatura ambiente)
  • 1 pizzicoSale
  • 1 bustinaVanillina
  • 1Limoni (la scorza grattugiata)
  • 3 mlAroma alla mandorla
  • 70 gArancia candita
  • 70 gCedro candito

PER LA GLASSA

  • 50 gZucchero di canna
  • 30 gMandorle (spellate)
  • 20 gNocciole (spellate)
  • 15 gAmido di mais (maizena)
  • 2Albumi

PER DECORARE

  • q.b.Granella di zucchero
  • q.b.Mandorle
  • q.b.Zucchero a velo

Preparazione

  1. 1° IMPASTO: Mettere in una ciotola, o nella bacinella della planetaria, la farina, il lievito secco, il miele e il latte. Mescolare bene con il gancio. L’impasto rimane molto morbido perché molto idratato.

  2. Ricoprire con la pellicola trasparente e mettere a lievitare in un posto caldo (massimo 30°). Va bene anche nel forno con la luce accesa. Devono trascorrere almeno 2 ore, il composto deve raddoppiare di volume.

  3. 2° IMPASTO: Una volta lievitato, trasferire dalla ciotola nella bacinella della planetaria. Mettere il gancio e azionare (io velocità 3). Aggiungere lo zucchero, e la farina poca alla volta. Quando sarà stata assorbita, unire il burro a pezzi piccoli, sempre poco per volta. Lavorare l’impasto fino a quando sarà ben incordato.

  4. A questo punto potete trasferire l’impasto in una bacinella o lasciarlo nella planetaria. Io lo lascio nella ciotola della planetaria, ricopro con della pellicola trasparente e lascio lievitare fino al raddoppio del suo volume, sempre in un posto caldo (forno con luce accesa), più o meno ci vorranno ancora 2 ore.

  5. 3° IMPASTO: Grattugiare la scorza del limone e tenere da parte. Prendere poi il secondo impasto lievitato e unire lo zucchero. Azionare la planetaria a velocità moderata (io velocità 3) e unire metà farina. Quando sarà assorbita unire 1 uovo. Fatelo assorbire anch’esso poi aggiungere l’altra farina rimasta e l’altro uovo. Sempre impastando, mettere il sale, la scorza del limone, l’aroma mandorla, e la vanillina.

  6. Aggiungere il burro a pezzi poco alla volta. Prima di aggiungere l’altro pezzo aspettare che il precedente sia assorbito dall’impasto. Per ultimo versare le scorze d’arancia candite e il cedro candito. Lavorare ancora il tutto fino a quando sarà ben incordato. Ci vorranno dai 20 ai 30 minuti.

  7. SOSTA IN FRIGO: Versare l’impasto su un ripiano leggermente infarinato. Appiattire leggermente e poi prendere i lembi esterni e portarli all’interno (le pieghe). Una volta fatte queste pieghe, dare all’impasto una forma sferica e mettere in una ciotola (io l’ho leggermente unta con dell’olio). Ricoprire con la pellicola trasparente e mettere in frigorifero per almeno 16 ore.

  8. COME FORMARE E CUOCERE LA COLOMBA: Trascorso il tempo in frigorifero, lasciare l’impasto a temperatura ambiente per 3-4 ore. Poi versarlo sul piano di lavoro (se serve infarinate il ripiano) e con le mani allargarlo un po’, dandogli una forma di rettangolo. (potete ungere leggermente le mandi con dell’olio)

  9. Dividere l’impasto in due parti, Una grande e l’altra più piccola. Prendere la parte più grande e arrotolarla formando un filone. Sarà il corpo della colomba. Adagiare nel pirottino. Prendere poi l’impasto più piccolo e dividerlo a sua volta a metà. Arrotolare anche questi e mettere nel pirottino per formare le ali.

  10. Ricoprire con della pellicola trasparente e lasciare lievitare per almeno 4 ore, o fino a quando l’impasto avrà quasi raggiunto il bordo dello stampo. A questo punto preparare la glassa per ricoprire la colomba classica.

  11. PER LA GLASSA: Mettere in un frullatore le mandorle, le nocciole, lo zucchero di canna, l’amido di mais e frullare bene fino a ridurre tutto in farina. Unire poi gli albumi e mescolare bene. Bisogna ottenere una glassa ne troppo molle ne troppo dura.

  12. Versare la glassa ottenuta in una sacca da pasticceria e ricoprire la colomba. Aggiungere poi le mandorle e lo zucchero in granella. Alla fine spolverare con zucchero a velo e infornare.

  13. Cuocere a forno caldo, statico, a 160° per 50-55 minuti. Se notate che si scurisce troppo, appoggiare sopra della carta stagnola, così si eviterà di bruciarla durante la cottura. Fare la prova stecchino prima di tirarla fuori dal forno. Una volta sfornata, fare raffreddare a testa in giù, come si fa per i panettoni. In questo modo raffreddandosi non collasserà al centro!

Note

La colomba classica si conserva per un paio di giorni chiusa in un sacchetto di plastica alimentare.  

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ledolcezzedimammanene

Sono una "pasticciona" sempre con le mani in pasta... Mi diverte cucinare per le persone che amo, e adesso lo posso fare a tempo pieno! La mia passione, l'amore per il cibo e per la cucina mi è stato trasferito dalla mia nonna, che giornalmente preparava pasta fresca e leccornie per tutti. Cucinare e pasticciare mi rilassa... ma non sono sola, con me c'è il mio inseparabile Bimby!!! Un aiuto indispensabile!!! Adesso posso dire grazie nonna... grazie bimby ;) vi lovvo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.