Crea sito

FRISCEU SALATI

“I frisceu”, frittelle salate tipiche delle nostra regione, racchiudono nella loro pastella foglie di lattuga  o maggiorana… borraggini ,…cipolline,  zucca.. cardi, carciofi e tanto altro ancora ..

Sono buonissime anche nella versione dolce .

Sono immancabili per la festa San Giuseppe Patrono dei papà , ma anche dei falegnami e  si usa dire : “A San Giooxeppe se ti peu, impi a poela de frisceu” ( a San Giuseppe se puoi, riempi la padella di frittelle )

Questa festa portava con sè una tradizione:  Ogni falegname quel giorno, ripuliva per bene la bottega e il banco di lavoro veniva allestito in modo tale, da poter offrire montagne di frittelle . Però .. in mezzo a tante frittelle ce n’era una che conteneva ovatta  e colui che la trovava , pagava pegno:  vino per tutti .

  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione15 Ore
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFarina 00
  • 400 mlacqua a temperatura ambiente
  • 2Tuorli
  • 1 bustinalievito istantantaneo per torte salate
  • foglieLattuga
  • q.b.Olio di semi di arachide
  • q.b.Sale

Preparazione

  1. In una ciotola o planetaria , lavorare farina , acqua e pizzico di sale fino ad ottenere una pastella liquida e senza grumi . Lasciare riposare il composto coperto, per qualche ora fino a che non è giunta l’ora di preparare le frittelle ( nella stagione calda si conserva in frigo nella ripiano  meno freddo  ).

    Trascorso il tempo di riposo , unire la bustina di lievito e i rossi d’uovo . Mescolare bene fino a che il composto risulta liscio e morbido. A qusto punto lavare ed asciugare bene le foglie di lattuga ,tagliare a pezzetti (utilizzare la mezzaluna o il coltello ) ed unire al composto .

    In un tegamino alto o padella ,portare a temperatura l’olio ( è pronto quando facendo la prova con uno stuzzicadedenti o pezzeto di pane  , intorno ad esso si formano le bollicine ).

    Con l’ausilio di 2 cucchiaini prelevare piccole porzioni di pastella e tuffarle nell’olio.  Raggiunta la giusta doratura da ambo i lati ( non devono risultare marroni ), scolarle con una schiumarola sopra della carta assorbente , tamponare per eliminare l’olio in eccesso , spolverare con un pizzico di sale e servire ben calde .

     

Note

Il Leccapentole…e le sue Padelle è presente su questi social e tanto altro

Pagina facebook

Instagram

Pinterest

Twitter

LinkedIn

 

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Il Leccapentole...e le sue Padelle

Mi chiamo Fernanda, sono sposata e mamma di Chiara. Da sempre con la passione per la cucina e da sempre con le mani in pasta. Qualche anno, fa incoraggiata da amici e famiglia (stanchi di essere le cavie dei miei piatti), ho aperto il primo blog. Dopo un anno sono approdata con il mio blog su un'importante piattaforma televisiva, poi su una web. Ho partecipato a show cooking, ospitate in tv , spot pubblicitario per una grande azienda e a numerosi contest ottenendo riconoscimenti. Collaboro con le mie ricette per produttori di rilievo, un'importante Libreria on-line dedicata agli e-book di cucina e un Sito Web Regionale. Occasionalmente sono docente in una scuola di cucina a Genova. La mia è una cucina tradizionale, fatta con prodotti semplici del territorio lavorati con fantasia. Il mio blog è presente sui principali social network Che dire di più': e' giunta l’ora di andare in cucina !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.