Pranzo in ufficio: il galateo della schiscetta perfetta

lunchbox

7 lavoratori italiani su 10 scelgono di consumare pranzo in ufficio. Quando la mensa aziendale non è disponibile, la “schiscetta” è indubbiamente il metodo migliore per risparmiare e per mangiare sano.

In genere sono gli stessi impiegati che allestiscono un piccolo spazio messo a disposizione del datore di lavoro per consumare il pranzo in ufficio, chiedendo, se possibile, in dotazione un frigorifero, un forno a microonde e una macchinetta per il caffè.

La schiscetta è dunque un’ottima opportunità, ma anche il piccolo contenitore con dentro il vostro pranzo richiede un minimo di bon ton, o sarà causa di aspre contese e polemiche tra colleghi! Ecco cosa è lecito e cosa è opportuno evitare quando si consuma il pranzo in ufficio.

BASTA CON IL SOLITO PANINO

Portare il pranzo da casa permette di evitare di mangiare ogni giorno il solito panino del bar. Approfittiamone quindi per spezzare la monotonia alternando insalate, frittate, zuppe e combinazioni pasta, cereali e verdure.

VIETATI PESCE E BROCCOLI

Su cosa mettere nella schiscetta il primo divieto tassativo riguarda il pesce, ma anche cavoli, broccoli e altre pietanze il cui odore potrebbe appestare per giorni tutto l’ufficio.

I GIUSTI NUTRIENTI

Ricordiamo sempre di combinare, secondo le regole del monopiatto GIFT, proteine (carne, pesce, uova, formaggio, affettato, noci: non più di un terzo del totale), carboidrati complessi  (pane, pasta, riso, patate: mai più di un terzo del totale) e alimenti ricchi di fibre (frutta e verdura) nella proporzione di 1/3 per ogni componente.

IL PRANZO NON SI DIVIDE

Secondo il galateo, se è cosa buona e giusta dividere pasticcini e dolcetti per una pausa a metà mattina o pomeriggio, lo stesso non vale per il pranzo, che non va condiviso con nessuno.

LONTANI DA PC e SMARTPHONE

Un pasto consumato davanti al computer a ingurgitare il cibo, cliccando ossessivamente su video, notizie e Facebook, non è di certo una sana abitudine. Approfittiamone piuttosto per trascorrere la pausa mangiando in compagnia dei colleghi, scambiando quattro chiacchiere e lasciando che la nostra mente si svuoti e si rilassi anche se per un breve intervallo.

APPARECCHIARE

Munitevi di tovaglietta e tovagliolo per sentirvi un po’ più a casa ed evitare, soprattutto, di rendere il tavolo in comune bersaglio di condimenti e briciole.

LASCIARE A CASA IL SERVIZIO BUONO

É vero che mangiare con le posate di metallo dà più soddisfazione, ma in ufficio sono proprio fuori posto: meglio scegliere quelle di legno o di plastica (lavabili e riutilizzabili).

NON MONOPOLIZZARE IL MICROONDE

Prezioso alleato per scaldare zuppe, pasta e stufati, il microonde va usato giusto il tempo necessario per lasciare anche agli altri la possibilità di utilizzarlo.

NON PARLARE DI LAVORO

La tentazione è sicuramente quella di impiegare la pausa pranzo a riassumere tutte le peripezie lavorative trascorse nel corso della mattinata e sfogarsi di tutte le angherie subite dal capo. Ma è importante porsi come regola quella di ritagliarsi un’ora di assoluta pausa dal lavoro e di approfittarne per conoscersi meglio tra colleghi scambiandosi idee su vari argomenti.

NON SPARLARE

Non è bello approfittare della pausa pranzo per parlare male alle spalle di un collega. A nessuno farebbe piacere sapere che gli altri sparlano di lui e, come si sa, in genere chi spettegola lo fa sempre e comunque.

NON VI ALLARGATE

Limitatevi a riporre nel frigorifero in comune solo lo stretto indispensabile e accuratamente compattato per evitare di sottrarre spazio agli altri.

AD OGNUNO IL SUO

C’è sempre qualcuno che sistematicamente attinge alle scorte in frigorifero di qualcun altro: di certo non è una sensazione piacevole per chi riceve il “danno” quindi se non per buon senno e senso del rispetto, qui vige la regola “non fare agli altri quello che non vorresti facessero a te stesso”.

IL VINO LASCIATELO PER LA CENA

Pasteggiare con il vino durante il pranzo in ufficio proprio non si fa; godetevi il vostro bicchiere a cena con il vostro partner nell’intimità della vostra casa

NON SIETE AL RISTORANTE

Terminato il pranzo nessuno ripulirà il tavolo per voi, quindi ricordatevi sempre di gettare via i rifiuti e rimuovere briciole e residui di cibo, nel rispetto degli altri colleghi che si troveranno ad occupare la postazione dopo di voi.

Buon pranzo in ufficio a tutti!

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Baba ganoush Successivo Dieta GIFT: piccoli tutor crescono