Come fare il bucato

FONTE IMMAGINE: www.freeimages.com

Non so voi, ma fare il bucato per me, soprattutto in inverno, è sempre stato molto complicato. Sempre con lo stendino per casa e, tra mille cose da fare, avere la biancheria pulita e in ordine spesso è un’impresa.

Nel tempo però ho messo a punto dei piccoli trucchetti per fare il bucato e le lavatrici in maniera efficace. Ecco alcuni consigli:

Dividere

Come per la raccolta differenziata, dopo l’utilizzo suddividi i vestiti da lavare in cesti divisi per colore e/o per tipologia di tessuto (cotone, lana o sintetici):

1 cesto per:

  • Indumenti bianchi
  • Abiti chiari dai colori tenui
  • Asciugamani e spugne

1 cesto per:

  • Vestiti scuri: neri, blu navy, verde scuro o qualsiasi tonalità di rosso

1 cesto per:

  • Capi delicati (seta, lana…)

Puoi anche coinvolgere i piccoli di casa in questo semplice compito. Già dai 2 anni i bambini sono perfettamente in grado di farlo e, anzi, saranno ben felici di aiutare la mamma.

Prima di mettere i vestiti nel cesto svuota tutte le tasche da qualunque oggetto come fazzoletti, penne, monete… Inoltre, metti a rovescio i capi con i bottoni per evitare che questi possano battere contro le pareti della lavatrice/asciugatrice.

 

Attenzione all’etichetta

L’etichetta indica come come il capo deve essere lavato o se richiede un trattamento speciale. Ecco i principali simboli a cui prestare attenzione:

– Un secchio con l’acqua con all’interno un numero indica la massima temperatura (espressa in gradi centigradi) dell’acqua di lavaggio. Se è disegnata una mano anziché un numero, significa che il capo deve essere lavato a mano. Una X invece indica che non deve essere lavato in acqua, ma solo a secco.

– Il triangolo indica l’uso della candeggina. Se è bianco significa che si può usare la candeggina, mentre se è nero o se vi è sopra una X significa che non deve essere usata.

– Un quadrato con un cerchio all’interno indica come usare l’asciugatrice. Un puntino significa bassa temperatura, due puntini un ciclo normale e una X significa che non si può usare l’asciugatrice.

– Il disegno di un ferro da stiro indica la temperatura a cui si può stirare il capo. Più punti appaiono e maggiore è la temperatura. Una X indica che l’abito non deve essere stirato.

Lavare

Se necessario, tratta le macchie difficili con uno smacchiatore prima del lavaggio. Aggiungi poi il detersivo nella quantità indicata sulla confezione in relazione alla tipologia e quantità di indumenti.

In generale, soprattutto se si tratta di capi delicati, scuri e poco sporchi, il mio consiglio è di scegliere cicli di lavaggio brevi e a bassa temperatura (30°- 40°).

Ricordati di utilizzare sempre l’ammorbidente o alternative naturali e di inserire calze, calzini e biancheria intima in appositi sacchetti di cotone per evitare il solito problema dei calzini spaiati.

Programmare

Compatibilmente alle esigenze della famiglia, programma il bucato tenendo anche conto degli orari per risparmiare sulla bolletta. Se hai una lavatrice con il timer puoi prepararla la sera e impostarla con partenza al mattino molto presto, così da poter stendere il bucato al tuo risveglio. O, in alternativa, puoi programmarla per il tuo ritorno alla sera. In ogni caso fai in modo che i capi non restino bagnati per troppo tempo nel cestello per evitare cattivi odori e pieghe difficili da stirare.

Stendere

Stendi subito la biancheria non appena si è concluso il ciclo di lavaggio e sbatti bene i capi prima di disporli sullo stendino, avendo cura di non sovrapporli e tendendo bene tasche e cuciture.

Camicie, maglie e pantaloni possono essere stese appendendoli ad una gruccia per evitare pieghe fastidiose in fase di stiratura.

Ricorda infine di stendere le calze accopppiate così da trovarle insieme quando dovrai piegarle e riporle.

 

Piegare

Quando il bucato è asciutto dividi i capi da riporre nell’armadio e quelli da stirare, piegandoli e riponendoli in una cesta o in un armadio.

Prova a mettere in pratica queste piccole routine e fare il bucato non sarà poi così stressante come sembra e tuoi vestiti saranno sempre puliti e in ordine.

Se ti è piaciuto questo articolo seguimi anche sulla mia PAGINA FACEBOOKe  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri cosa può fare per te una PROFESSIONAL ORGANIZER CLICCA QUI

Print Friendly, PDF & Email
Precedente 5 consigli per un buon riposo Successivo Muffin ai fiocchi d'avena