Conchiglioni ripieni ricotta e spinaci

conchiglioni

I conchiglioni ripieni sono un primo piatto amato da tutti. Il classico piatto delle feste e della domenica, da preparare anche in anticipo e da infornare poco prima di servire in tavola.

Per i conchiglioni ripieni si utilizzano i conchiglioni rigati che, proprio per la particolare forma cava, si prestano ad accogliere una farcia golosa: in questa ricetta ho scelto – per venire incontro anche ai gusti dei vegetariani – un ripieno di ricotta e spinaci, ma i conchiglioni ripieni possono essere farciti anche con ragù, prosciutto e funghi ecc.

Una volta ripieni, i conchiglioni vengono disposti nella teglia e gratinati per ottenere una deliziosa crosticina dorata e croccante.

Ricetta per preparare i conchiglioni ripieni:

ingredienti per 8 persone

– 500 gr di conchiglioni integrali

– 500 gr di ricotta di capra

– 800 gr di spinaci (anche surgelati)

– 100 gr di parmigiano

– 0,9 l di latte

– 50 gr di farina integrale

– 50 gr di burro

noce moscata

pepe nero

sale

– 1/2 bustina di zafferano

conchiglioni2

Procedimento

– Cuocere i conchiglioni in abbondante acqua salata (fermare la cottura 3 minuti prima rispetto a quanto indicato sulla confezione)

– Cuocere gli spinaci e, una volta cotti, strizzarli molto bene in modo da rimuovere l’acqua in eccesso

– In una terrina lavorare gli spinaci con la ricotta, 50 gr di parmigiano, il sale, il pepe nero e la noce moscata

– Riempire singolarmente i conchiglioni con il ripieno di ricotta e spinaci

– Per preparare la besciamella, portare a bollore il latte in una pentola antiaderente

– Separatamente sciogliere il burro a bagnomaria e amalgamare la farina

– Sciogliere la farina e il burro nel latte

– Aggiungere sale, noce moscata e lo zafferano e mescolare bene fino ad ottenere una besciamella liscia e omogenea

– Cospargere sul fondo di una teglia un po’ della besciamella

– Disporre i conchiglioni sulla teglia

– Ricoprire il tutto con la restante besciamella

– Cospargere la superficie con il resto del parmigiano

– Coprire con carta stagnola e cuocere a 200 gr per 20 minuti

– Rimuovere la carta stagnola e gratinare in funzione grill per 5 minuti

Il consiglio di leBriciole

Se soffri di infiammazione da frumento e glutine al posto dei conchiglioni, puoi preparare un “pasticcio” di gnocchi gratinati. Scegli gli gnocchi senza glutine, cuocili in abbondante acqua salata, ripassali in padella con gli spinaci saltati, disponili in una teglia o in cocotte monoporzione, cospargi con la besciamella e il parmigiano e finisci con la gratinatura in forno. Per preparare la besciamella puoi usare la farina di riso o l’amido di mais.

Se eviti i latticini, riempi i conchiglioni solo con gli spinaci, senza la ricotta. Per la besciamella, al posto del latte vaccino, usa un latte vegetale, e per la gratinata in forno, al posto del parmigiano, utilizza del pangrattato.

Se la tua è invece un’infiammazione da nichel, per la farcia non utilizzare gli spinaci, ma le erbette ed evita la gratinatura finale in forno.

Perché non presentare i conchiglioni ripieni in cocotte monoporzione? I bambini, soprattutto, lo adoreranno e lo troveranno molto divertente e più a loro misura rispetto ad una porzione da adulto.

Se ti è piaciuto questo articolo seguimi sulla pagina Facebook di leBriciole (CLICCA QUI) e intervieni anche tu sul gruppo di discussione Dieta GIFT e Intolleranze Alimentari (CLICCA QUI).

Per non perderti tutte le novità, i nuovi articoli e le offerte riservate ai miei lettori ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER (CLICCA QUI)

Per mangiare bene e stare in forma è importante imparare a fare la spesa: dai un’occhiata al mio Bio Shop on line e troverai una scelta di prodotti sani e genuini che ho selezionato per te. E in più… tanti sconti e promozioni e consegna gratuita (per ordini superiori a 29 euro) entro 24-48 ore direttamente a casa tua!!!

Se ti interessano questi argomenti e vuoi saperne di più su Dieta GIFT, su di me e la mia storia ti suggerisco queste letture:

Articoli consigliati

Libri consigliati

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Capodanno nel mondo: le ricette della fortuna Successivo Biancomangiare