Come coltivare i semi dei limoni

 FONTE IMMAGINE: www.southernliving.com

FONTE IMMAGINE: www.southernliving.com

Vediamo insieme come coltivare i semi del limone sia davvero semplice e alla portata di tutti: innaffiature regolari, rinvasi periodici e tanta luce sono le regole per avere sempre piante sane e vigorose.

Se come me mangiate tanti limoni – vedi Come bere acqua calda e limone tutte le mattine ha migliorato la mia salute – potete approfittare della “produzione” domestica di semi e piuttosto che gettarli via, sfruttarli per coltivare la vostra pianta sul balcone di casa.

 FONTE IMMAGINE: www.rowingwildceeds.wordpress.com
<

br />FONTE IMMAGINE: www.rowingwildceeds.wordpress.com

interrare (preferibilmente in primavera) un seme di limone insieme a del terriccio ben drenante in un vaso dal diametro di almeno 30 cm al di sotto del quale posizionare un sottovaso

– innaffiare con regolarità in modo da tenere il terreno sempre umido (evitando però i ristagni d’acqua)

– dopo 4-6 settimane inizieranno a crescere i primi germogli

– una volta che la piantina sarà diventata sufficientemente robusta e che avrà raggiunto un’altezza di almeno 15-20 centimetri, potrà essere effettuato un rinvaso (da ripetere ogni 3 anni) in un vaso dal diametro di circa 80 centimetri

– Tenere sempre il limone al riparo dal freddo e, durante l’inverno, copritelo con un apposito telo protettivo. Se se ne ha la possibilità, trasferire il vaso sul pianerottolo delle scale, nell’atrio del palazzo, o in un luogo senza riscaldamento e con aria non eccessivamente secca.

– Il periodo ideale della potatura è la fine dell’inverno, in modo tale che la pianta sarà pronta a rigenerarsi con l’arrivo della primavera.

In primavera e in estate concimare, intensificare le innaffiature ed esporre la pianta ai raggi diretti del sole o, comunque, posizionarla in una zona molto ricca di luce.

– Le piante di limoni seminate tendono ad emettere meno frutti ed in tempi più lunghi rispetto alle piante innestate. Non si tratta però di una regola ferrea. Durante la fioritura e soprattutto nel corso della formazione dei primi piccoli frutti, innaffiare solo alla base della pianta, per evitare di rovinare le foglie.

La soddisfazione di veder crescere la propria piantina è impagabile: i frutti freschi e il loro inconfondibile profumo vi ripagheranno delle vostre cure e delle attenzioni.

 FONTE IMMAGINE: growingwildceeds.wordpress.com

FONTE IMMAGINE: www.growingwildceeds.wordpress.com
Print Friendly, PDF & Email
Precedente Acqua calda e limone: elisir di salute Successivo Expo 2015: come e quanto si mangia secondo Oxfam